domenica 23 novembre 2014

Pd, mossa per far slittare le primarie

Fonte: Ottavio Lucarelli da la Repubblica Napoli

Le primarie per la Regione non si annullano, slittano. Probabilmente dal 14 dicembre a metà gennaio. Il Pd allarga la coalizione a sinistra da Sel alle civiche fino ai socialisti e questi ultimi, in una lettera consegnata al segretario dei democratici Assunta Tartaglione, chiedono di partecipare alla consultazione popolare per la scelta del candidato presidente. Le primarie, dunque, non riguarderanno più il solo Pd ma l'intera coalizione. Al termine di un'affollata riunione nella sede regionale dei democratici lo ha chiesto anche l'Italia dei valori e la Tartaglione convocherà la prossima settimana la direzione del partito per decidere. Non solo. Una richiesta di slittamento a gennaio potrebbe arrivare anche da Roma in considerazione del fatto che le elezioni regionali non si terranno a fine marzo ma, quasi certamente il 17 maggio del prossimo anno. Il Pd allarga a sinistra e chiude a Ncd? «Non ho mai parlato con Ncd — spiega il segretario Tartaglione. Il nostro obiettivo è creare una forte coalizione alternativa al centrodestra e a Caldoro. Non guardiamo solo a sinistra, dunque, ma anche ai moderati. Ci sono esponenti pronti a passare con la nostra coalizione e il candidato presidente del centrosinistra avrà certamente liste di cattolici moderati a sostegno».
 

110 milioni di euro per chiudere l'ospedale di Vico Equense

Ospedale di Vico Equense
di Franca Rossi, segretaria del circolo PD di Vico Equense

Vico Equense - Grazie al Centro-destra della Regione e ai Sindaci della Penisola, una costosa operazione per sopprimere il De Luca e Rossano. Il trionfalismo con cui l’Amministrazione Regionale Caldoro e tutta la destra peninsulare ostentano il grande progetto dell’Ospedale Unico della Penisola Sorrentina come una conquista di ammodernamento e riorganizzazione della sanità in penisola, in realtà non nasconde altro che la mera soppressione dell’Ospedale di Vico Equense (obiettivo perseguito da anni) e la costruzione di un nuovo Ospedale di Sorrento trasformando il Presidio di S. Agnello. Il Presidente della V commissione sanità Schiano di Visconti infatti dichiara che Sorrento dovrà essere in grado di cogliere tutti i vantaggi di quest’opportunità per dare il via a un progetto di rilancio della propria offerta turistica grazie alla trasformazione d’uso dell’attuale struttura ospedaliera”. Chiamarlo ospedale Unico della Penisola Sorrentina quindi è stata solo un’operazione per indorare la pillola ai cittadini di Vico Equense (e dei numerosi utenti dei comprensori limitrofi) che perderanno l’ospedale di riferimento, e che in futuro si vedranno costretti a rivolgersi a Castellammare per le loro cure perché la scelta di recarsi a S.Agnello non è praticabile a causa della viabilità. In altri articoli si dichiara che questa operazione sarebbe stata fortemente voluta dalla popolazione.
 

Vico Equense - Immagini dei danni provocati dal terremoto del 23 novembre 1980

sabato 22 novembre 2014

La mia sinistra non ha bisogno di esami del sangue

“Non possiamo permetterci di restare fermi a un passato glorioso, ma rivitalizzarlo ogni giorno cambiando, trovando soluzioni concrete ed efficaci a problemi che si trasformano e che riguardano da vicino la vita delle persone 

Lettera di Matteo Renzi al direttore de “la Repubblica” 

Caro direttore, Repubblica mi chiama in causa personalmente. Mi chiede quale sia la nostra idea di sinistra che rivendico, ad esempio, quando parlo della riforma del lavoro. Come lei sa, non da ora, sono tra quelli che hanno favorito e accelerato la fine dell'era del trattino. Quando non si poteva pronunciare la parola sinistra senza premettere qualche prefisso per attenuarla, quasi a prendere le distanze. Ho sempre rivendicato, con fierezza ed orgoglio, l'appartenenza del Partito democratico alla sinistra, alla sua storia, la sua identità plurale, le sue culture, le sue radici. Per questo ho spinto al massimo perché il Pd, dopo armi e annidi dibattito, fosse collocato in Europa dove è adesso, dentro la famiglia socialista della quale oggi, grazie al risultato delle ultime elezioni, è il primo partito con oltre 11 milioni di voti. Questo per dire che nei comportamenti concreti, nelle scelte strategiche, il Pd sa da che parte stare. Dalla parte dei più deboli, dalla parte della speranza e della fiducia in un futuro che va costruito insieme. Non credo sia il caso qui e ora di discutere di pantheon e di storie, ognuno ha i suoi riferimenti, le persone che ci hanno ispirato nella azione politica.
 

Monte Faito, domani esercitazione della Croce Rossa

Vico Equense - La Croce Rossa Italiana ha tra i suoi compiti istituzionali quello di "preparazione, risposta e soccorso in caso di emergenza" ed è in quest'ottica che il Settore Emergenza del Comitato Locale CRI Napoli Sud, ha organizzato, in collaborazione con l'Associazione Volontari del Faito, l'Ass. Pronatura Stabia e il nucleo Protezione Civile di Vico Equense e con il Patrocinio del Comune di Vico Equense, una "Esercitazione di ricerca e soccorso dispersi in località Monte Faito" per il giorno 23 novembre 2014. Alla simulazione, a cui parteciperanno, oltre ai volontari del Comitato Locale Napoli Sud, anche volontari (circa 130) in rappresentanza di tutte le associazioni e i nuclei di Protezione Civile del territorio. L'esercitazione inizierà con la segnalazione secondo i protocolli di persone disperse, a cui seguirà l'allestimento del Campo base attrezzato a Sala Operativa e del Posto medico avanzato per il soccorso dei dispersi (5 persone) dopo il ritrovamento. Ad ogni squadra, formata da volontari di Protezione Civile e da soccorritori CRI, verrà assegnata un'area specifica di ricerca. "Purtroppo - ha detto il Presidente del Comitato Locale CRI Napoli Sud, Dr. Antonio Coppola -, accade spesso che persone si perdano in territori boschivi, ed è per questo che bisogna essere costantemente aggiornati e preparati ad affrontare situazioni del genere. Queste esercitazioni sono un importante momento di formazione per tutti i partecipanti che, appartenendo a realtà operative diverse, si allenano a collaborare e a migliorarsi con professionalità per un unico fine: quello di essere preparati di fronte alle emergenze per meglio aiutare chi si trova in difficoltà. Questa iniziativa rientra in una serie di attività programmate dal nostro Comitato Settore Emergenza per diffondere la cultura della prevenzione e corretta gestione delle emergenze".


Alimuri, bocciato l'ultimo ricorso

Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino

Vico Equense - Nessuna preclusione al provvedimento di demolizione dell’ecomostro di Alimuri emanato dal Comune di Vico Equense. Il Tar Campania, con una ordinanza di giovedì scorso, ha rigettato la richiesta di sospensiva presentata dalla società Sica. Il manufatto che deturpa da 50 anni il paesaggio della costiera ha i giorni contati: il 30 novembre sarà abbattuto in soli dodici secondi, attraverso l’utilizzo di micro-cariche. Non ci saranno ostacoli che potranno impedire la demolizione dell’ecomostro. Sull’annullamento dell’accordo del 2007 resta, invece, un punto interrogativo. Secondo l’intesa siglata tra società, Provincia di Napoli, Regione Campania, Comune di Vico Equense, Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici e ministero per i Beni e le attività culturali, alla demolizione avrebbe dovuto far seguito la costruzione di una struttura dello stesso volume, su un altro sito da individuare. Il Comune di Vico Equense, con un decreto, ha annullato l’accordo sulla base della scoperta dell’illegittimità del manufatto: dal confronto dell’autorizzazione concessa all’epoca ai proprietari con il rilievo effettuato sul luogo nel 2010 dai tecnici della Procura di Torre Annunziata è emersa l’esistenza di difformità. «Le questioni sollevate relativamente all’annullamento dell’accordo del 2007 – si legge nell’ordinanza del Tar Campania - andranno trattate nella competente sede di merito». Per la società Sica quell’intesa è ancora valida. «Ribadiamo la legittimità dei titoli e dell'accordo – dichiara l’avvocato Gian Luca Lemmo - come da ultimo consacrata dal Presidente della Repubblica, con un decreto previo parere del Consiglio di Stato».

Sorrento. Conferenza stampa su Progetto Sorrento Now e dati raccolta differenziata

Sorrento - Mercoledì 26 novembre, alle ore 16, presso la sala consiliare del comune di Sorrento, si terrà la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla raccolta differenziata 2014 e del progetto Sorrento Now (Sorrento No Waste) 2015, finalizzato alla riduzione della Tari. All'incontro prederanno parte Giuseppe Cuomo, sindaco di Sorrento, Mario Gargiulo, assessore all'Ambiente, Luigi Cuomo, direttore di Penisolaverde SpA, oltre a Mariella Russo dell'hotel Conca Park e don Giovanni Ferraro, parroco di Casarlano, che racconteranno le rispettive esperienze legate a modelli virtuosi di raccolta differenziata.

Ecomostro Alimuri, Elefante: "Dopo la demolizione su quel terreno non si costruirà più"

Antonio Elefante
Il Tar: “Nessun rinvio all’abbattimento” 

Vico Equense - Durante la trasmissione "Il Martello", talk show di approfondimento politico in onda su Radio Club 91, rispondendo alle domande dei giornalisti Carla Guarnieri e Raffaele Schettino (Metropolis Web) e Renato Votta (Road Tv), a proposito dell'imminente demolizione dell'ecomostro di Alimuri, in programma il 30 novembre, l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Vico Equense Antonio Elefante spiega: "Ero appena nato quando si iniziava a costruire l'ecomostro. In questi anni non c'è mai stata una vera determinazione a risolvere il problema, si scaricavano sempre sugli altri le responsabilità. Anzi, il patto siglato nel 2007 dal ministero guidato da Francesco Rutelli e dalla giunta Bassolino, era sproporzionato ma anche illegittimo e illecito. Io, invece, ci ho creduto fino in fondo, abbiamo superato mille ostacoli ma ormai ce l'abbiamo fatta. E trovo incomprensibile la presa di posizione di alcuni ambientalisti che addirittura volevano lasciare tutto com'è. Dopo la demolizione, quel pezzo di territorio verrà restituito ai cittadini e la natura farà il suo corso. Non si costruirà nulla". Tra gli ospiti anche Enzo Rivellini, ex europarlamentare e coordinatore regionale dei Popolari per l'Italia, sulla vicenda aggiunge: "Dopo 50 anni c'è un epilogo positivo solo perché un assessore determinato ha guardato tutte le carte ed è andato fino in fondo. E' la dimostrazione che la politica riesce ancora a risolvere i problemi". Il Tar della Campania, intanto, ha rigettato la richiesta di sospensiva presentata dalla società Sica. Nessun rinvio, quindi, l’ecomostro di Alimuri sarà abbattuto il 30 novembre. L’unica incertezza che al momento grava sull’intera operazione riguarda l’accordo del 2007 siglato tra la società proprietaria dell’immobile, Provincia di Napoli, Regione Campania, Comune di Vico Equense, Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici e ministero per i Beni e le Attività culturali. In base a tale intesa, infatti, alla demolizione avrebbe dovuto far seguito la costruzione di una struttura dello stesso volume, su un altro sito da individuare. Il Comune di Vico Equense ha annullato l’accordo sulla base della scoperta dell’illegittimità della struttura. Per la società Sica, invece, quell’accordo è ancora valido.

Consiglio comunale, all'ordine del giorno un nuovo dimensionamento scolastico

Vico Equense - Il consiglio comunale di Vico Equense si riunirà il prossimo mercoledì 26 novembre, alle ore 18, presso la sala consiliare. Otto gli argomenti all'ordine del giorno. Tra questi spicca senz'altro la proposta di un nuovo dimensionamento scolastico e ottimizzazione della rete dei punti di erogazione dall’anno scolastico 2015-2016. La maggioranza, a quanto si apprende, propone la chiusura della scuola media di Massaquano. Sulla vicenda si prevede un duro scontro tra l’amministrazione comunale e i genitori. Già in passato il Sindaco Gennaro Cinque, fu il protagonista, di un corposo dimensionamento scolastico. Questo evento creò una vera e propria bagarre tra i cittadini per la soppressione di molti plessi periferici. Altri punti in discussione: la rinegoziazione dei mutui con la Cassa Depositi e Prestiti e alcune variazioni al bilancio 2014.

Alfano incontra l’Arcivescovo di Pompei

Pompei - Il Sottosegretario alla Difesa, On. Gioacchino Alfano, in mattinata ha incontrato la comunità di Pompei insieme con l’Arcivescovo di Pompei Mons. Tommaso Caputo. L’incontro, di grande valenza socio-culturale è stato voluto per scambiare opinioni sulla realtà sociale del territorio e l’impegno della Diocesi. Al termine della visita, in una nota l’On. Gioacchino Alfano, ha manifestato la soddisfazione per l’incontro avuto a Pompei e la propria commozione per la bellezza del Campanile del Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei. "Il campanile della Basilica di Pompei, - ha dichiarato l'On. Gioacchino Alfano - sorge in tutta la sua imponenza proprio accanto al Santuario della Beata Vergine del Rosario. 80 metri di altezza, disegnato da Aristide e Pio Leonori è una "finestra" con vista su una città dalla storia millenaria e tra le più antiche del mondo. Un panorama che mozza il fiato, ma che allo stesso tempo mette in armonica unione il corpo, la mente e lo spirito. La sensazione è quella di non poter contenere in un solo colpo d'occhio le bellezze più seducenti di un'intera regione già straordinaria di suo. Pompei, - ha concluso il Sottosegretario Gioacchino Alfano - come poche altre città del mondo, è un luogo capace di attirare i più disparati interessi turistici, da quello archeologico a quello religioso, da quello enogastronomico a quello storico, e il campanile è una tappa imperdibile".

Scuole superiori. Trasporto disabili, firmata la determina. IN Movimento per Vico ringrazia i consiglieri comunali per l'impegno condiviso

Vico Equense - Firmata la determina per il servizio di trasporto degli alunni disabili. Dal 24 novembre 2014 al 20 dicembre 2014, il trasporto sarà assicurato dalla Cooperativa sociale il Delfino. Le famiglie che lottano quotidianamente con la disabilità dei propri figli adolescenti, sono circa venti sul territorio vicano. Alcuni devono recarsi quotidianamente all’istituto alberghiero «De Gennaro», quindi restando nell’ambito cittadino, ma non mancano studenti che devono muoversi verso la penisola, raggiungendo il liceo classico «Publio Virgilio Marone» di Meta o il liceo artistico «Francesco Grandi» di Sorrento. I consiglieri comunali di minoranza del gruppo “In Movimento per Vico”, chiesero alla giunta di “interviene” sul caso. Una richiesta arrivata dopo che la Provincia aveva congelato i fondi da stanziare agli enti locali a causa della mancata approvazione del bilancio 2014. L’amministrazione comunale di Vico Equense guidata dal sindaco Gennaro Cinque, sbloccò immediatamente, 15mila euro con una delibera “immediatamente esecutiva”. Il gruppo consiliare in Movimento per Vico esprime grande soddisfazione per l’obiettivo raggiunto, frutto di impegno condiviso da parte di tutti i consiglieri comunali. “A questi ultimi – commentano Andrea Lauro, Natale Maresca e Claudia Scaramellino - rivolgiamo un sentito ringraziamento, con l’auspicio che temi così delicati, che coinvolgono primari diritti dell’individuo e che toccano la sensibilità dell’intera comunità, continuino a essere oggetto di ampia condivisione e a ricevere impulso e sostegno da parte di tutte le forze politiche presenti sul territorio”, concludono i consiglieri di opposizione.

L' Ufficio postale di Massaquano rischia lo sfratto

Vico Equense - Pochi giorni separano l’ufficio postale di Massaquano dalla possibile chiusura. A lanciare l’allarme il gruppo consiliare di IN Movimento per Vico. “Qualche mese fa, - spiegano Andrea Lauro, Natale Maresca e Claudia Scaramellino - sembrava che il problema delle poste di Massaquano fosse del tutto superato. Oggi è arrivata la doccia fredda: il 10 dicembre arriverà lo sfratto”. Ci risiamo con la storia della chiusura degli uffici postali di Massaquano e Arola, che si è già posta drammaticamente nell'autunno del 2012 e sembrava essersi risolta. Ci fu, lo scorso autunno 2013, una delibera di Consiglio comunale che designava lo stato delle poste di Massaquano, Arola e Moiano come uffici di montagna, poichè tale stato attribuisce parte del canone di fitto al pagamento di Poste italiane. Un escamotage per alleggerirsi del peso”posta”. Ma non è stato così, tanto che il proprietario del locale ha annunciato l'arrivo dell’ufficiale giudiziario per lo sfratto. “Cose – aggiungono i consiglieri di opposizione - di ordinaria mancanza di pagamento e il cittadino subisce...Quando in Consiglio comunale dicemmo di allestire l'ufficio postale in locali di proprietà comunale un assessore fece una battuta per sottolineare l'astrusità della cosa. Ma intanto nulla è cambiato e la posta rischia di nuovo”. IN Movimento per Vico ha chiesto più volte al Consiglio comunale la risoluzione immediata del problema per l’alta affluenza degli utenti, in parte pensionati.

Punta Campanella, arrivano le telecamere. Caccia ai datterai, la riserva marina sarà videosorvegliata

Sorrento - Tra pochi mesi, per datterai e pescatori abusivi sarà più difficile saccheggiare i fondali dell’area protetta di punta Campanella. A vigilare sul mare di Sorrento e dintorni ci penserà il sistema di videosorveglianza promosso dal Ministero dell’Ambiente e finalmente approvato in sede di conferenza dei servizi. La determina firmata da Mauro Luciani, direttore generale del dicastero di via Cristoforo Colombo, dà l’ok definitivo al sistema che punta a monitorare costantemente il litorale e i fondali della penisola sorrentina. Il progetto prevede l’installazione di 14 telecamere nei punti strategici dell’area protetta da Vico Equense ai bagni della Regina Giovanna. Una stazione di monitoraggio troverà posto anche sull’arcipelago de Li Galli, dove l’occhio elettronico sarà posizionato su un traliccio già esistente così da ridurre al minimo l’impatto ambientale. Ma come funzionerà il sistema di monitoraggio? I filmati saranno registrati e poi trasmessi alle stazioni di monitoraggio e da qui inviati al comando dei carabinieri per la tutela ambientale di Napoli che potranno controllare in tempo reale tutto ciò che avviene nelle acque e lungo il litorale dell’area protetta di punta Campanella, a cominciare dagli eventuali raid dei datterai collegati ai clan camorristici dell’area stabiese e vesuviana. Non solo: attraverso un sensore iperspettrale sarà realizzato un modello digitale dei fondali vicini alle coste e alle isole per controllare ogni centimetro della Terra delle Sirene. In caso di reato, i vertici del parco potranno denunciarlo ai carabinieri chiedendo l’immediata acquisizione delle immagini. Realizzato dal Ministero dell’Ambiente e finanziato dal dicastero degli Interni, il sistema di monitoraggio sarà realizzato anche nei parchi marini di Calabria, Puglia e Sicilia: un maxi-progetto dal valore complessivo di 16milioni e 200mila euro, interamente finanziato con fondi europei. «Grazie al nuovo sistema di videosorveglianza – spiega Antonino Miccio, direttore dell’area protetta di punta Campanella – disastri come quello della primavera del 2012 non dovrebbero verificarsi più. Si tratta di una iniziativa tanto più importante se si pensa che i parchi marini non hanno poteri di polizia e devono fare continuamente i conti con il taglio dei fondi ministeriali». (Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino)

venerdì 21 novembre 2014

Apertura della porta di Vico Equense

Vico Equense abbraccia la ricetta di Italia Unica. Il Movimento politico fondato dall’ex ministro Corrado Passera ha aperto una sua porta (una cellula territoriale) a Vico Equense per iniziativa di Francesco Saverio Buonocore, Consiglio Cannavale e Giuseppe Cioffi. “Vico Equense – scrivono i promotori - merita di più. In un momento critico per la vita del Paese, con la crisi che minaccia la coesione sociale e la tenuta del sistema, è necessario avere una classe dirigente con idee chiare e principi saldi. Una classe dirigente che ponga i problemi dei cittadini al centro del dibattito politico e proponga soluzioni radicali per risolvere seriamente i problemi. Con questo spirito nasce a Vico Equense una cellula di Italia Unica, una associazione politica aperta a tutti che, in coerenza con la linea nazionale intende perseguire, localmente, un radicale cambio di marcia nella gestione della cosa pubblica. Vico Equense, come tanti altri centri di medio-piccole dimensioni, sta soffrendo enormemente i colpi di coda di una crisi che è lungi dall’esser passata, a dispetto di quanti, illusoriamente, vedono segnali di “uscita dal tunnel” che però sui territori non sono riscontrabili. La manifattura locale è sempre a rischio desertificazione. Il centro della città vede chiudere giornalmente molte attività commerciali, i giovani in cerca di occupazione non nutrono più speranza nel futuro. Vico Equense necessita di un programma unico, di un programma politico nuovo che cancelli le logiche con cui è stata amministrata fino ad ora la cosa pubblica. Italia Unica è il solo progetto politico che ha oggi le carte in regola per riuscirvi.”

Gennaro Esposito e Salvatore La Ragione, la favola dei guaglioni di Vico

di Luciano Pignataro

Vico Equense - E così Gennaro Esposito e Salvatore La Ragione hanno portato una stella anche a Capri arricchendo ulteriormente l’Isola che già ne vanta due al Capri Palace e una al Riccio. «Gennaro mi ha fatto diventare bianchi i capelli – scherza Salavatore – prima dell’esperienza a Capri era tutti neri». Già, perché una cosa è restare in cucina e interpretare non solo i protocolli ma anche le intuizioni dello chef, altra è gestire in prima persona una situazione importante come Mammà a Capri, dove «Se si presenta uno a mezzanotte e chiede lo spaghetto al pomodoro o una amatriciana glieli devi fare e pure molto bene». Gennaro, classe 1970, e Salvatore, classe 1977, sono praticamente da sempre insieme. «Anzi, io sono da prima di Gennaro – dice Salvatore – perchè stavo in sala nel locale del papà di Vittoria mentre studiavo ragioneria e poi ingegneria informatica». Nel 1991, a soli 21 anni, Gennaro aprì la Torre e iniziò una gavetta durissima, in località dove si era abituati alla ristorazione usa e getta della domenica. Poi si forma il nucleo d’acciaio, con Vittoria Aiello impegnata a fare i dolci, Salvatore in aiuto in cucina dopo un periodo di sala e Ciro Di Gennaro come maitre. Una continua rincorsa «a un sasso lanciato sempre più lontano delle nostre possibilità» dice Gennaro. Sin dalle prime battute occhio alla qualità, prezzi un po’ più alti e clientela che contrattava il conto.
 

Anziani di Sorrento assaggiano le nuove pizze di Pizza Hut

Fondi Ue, Marciano (PD): Doppio primato negativo per Campania

Regione Campania - “Ha ragione Caldoro: in Europa si parla molto di noi, ma non positivamente. La Campania vanta infatti un doppio, triste primato: è ultima nella spesa della vecchia programmazione, con il rischio concreto di perdere ingenti risorse che avrebbero potuto cambiare il volto della regione, e ultima anche nella presentazione dei piani per la prossima, stando alle parole del commissario Ue alle Politiche regionali”. Così in una nota il vicecapogruppo regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano. “Al 31 Ottobre la Campania, come è possibile verificare grazie all’ultimo aggiornamento del portale ministeriale Open Coesione, rimane in coda tra le Regioni dell’Obiettivo Convergenza, con una spesa certificata di 1,793 miliardi di euro sul fondo FESR (sui 4,57 miliardi da spendere entro fine 2015) e 528 milioni di euro sul FSE (sui 788 milioni totali)”, aggiunge il consigliere. “Sarebbe segno di serietà, oltre che di rispetto delle prerogative del Consiglio Regionale, che Caldoro venisse in Aula a illustrare quali sono le linee strategiche individuate per la programmazione dei fondi strutturali 2014/2020, visto che per i fondi 2007/2013 il dato negativo è ben certificato”, conclude Marciano.

Alimuri, ah gli architetti!

Vico Equense - Ho pensato di scrivere un post sugli Architetti…l’idea cavolo mi piace…ma non sono un Architetto (per fortuna…visto che circola un libro dal titolo “gli Architetti…bisognerebbe ucciderli da piccoli”), ritengo sia una fortuna non esserlo. Potrei usare un po’ di satira, quella di Lucianina Littizzetto: “Smettetela con gli open space. Noi a casa abbiamo bisogno dei muri. Intanto abbiamo bisogno di appendere i quadri. Se chiedi ad un architetto dov’è lo sgabuzzino gira gli occhi al contrario come l’esorcista e gli esce la bava dalla bocca. E noi l’aspirapolvere ce lo dobbiamo far tenere dalla vicina di casa”. In fondo in fondo gli architetti sono estrosi, bisogna comprenderli…come bisogna comprendere il botta e risposta, che da alcuni giorni va avanti a Vico Equense, tra il Vice Sindaco e un giovane Architetto. L’oggetto del contendere: il futuro del sito di Alimuri. Oggi è il turno del Vice Sindaco: “Stamattina – scrive sul suo profilo Facebook, Benedetto Migliaccio - ho portato il saluto della Città di Vico Equense al Convegno Nazionale del settore disciplinare ArTe (architettura tecnica), ed ho potuto notare quanto sia diverso l' umore tra gli specialisti della materia ed alcuni nostri concittadini sulla imminente demolizione dell' Ecomostro di Alimuri. Soprattutto ho notato con piacere come il vero messaggio (un territorio straordinario abitato da persone civili che ambisce ad essere Destinazione turistica non può tollerare tale presenza) pervenga limpido e non disturbato in tali ambienti; nonostante siano noti anche gli echi della cronaca locale!”

"Troppo Amore" - No alla violenza sulle donne

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: la Penisola Sorrentina e le sue eccellenze, insieme per sensibilizzare al delicato tema 

Meta - In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, Mamme al Centro Endas dedica al delicato tema l’incontro “Troppo Amore” il cui slogan è "Solo un piccolo uomo usa violenza sulle donne per sentirsi grande". L’evento che gode del patrocinio della Regione Campania e della Provincia di Napoli, vedrà la partecipazione della autorità, artisti e quanti hanno collaborato alla realizzazione del progetto. La Penisola Sorrentina unisce le sue forze e lancia una campagna in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne : l’associazione Mamme al Centro Endas, presieduta da Roberta D’Esposito, da appuntamento a martedì 25 novembre alle ore 17:30 presso la Sala Convegni dell’Istituto Comprensivo Statale Buonocore- Fienga di Meta: durante la serata saranno presentati lo slogan dell’ evento e il primo video inedito anti-violenza della canzone “Storie di Mara’’ scritta e cantata dal rapper Mauro Marsu con musica a cura di RaZorDub e registrata da Peppe De Angelis al Monopattino Recording Studio con la collaborazione della giornalista Mariella Nica. Regia di Catello Giordano, montaggio video Editing Studio91 e Corso Italia News. Il video è stato realizzato grazie alla testata giornalistica on-line Corso Italia News, diretta dal Dott. Antonio Fienga. L`artista fotografo Peppe Esposito presenterà scatti inediti, realizzati per l`evento e per focalizzare l`attenzione sul delicato tema della violenza sulle donne. Presenteranno la serata l` attrice Eva De Rosa e lo speaker radiofonico Nino Lauro. Coreografie di Marilina Iacono.

L'Unitre presenta: Chianette e carocchie

Vico Equense - Sarà presentato oggi, alle ore 17,00 nella sala polifunzionale della SS.Trinità e Paradiso, il libro "Chianette e carocchie. Minacce e percosse nel dialetto napoletano" di Luciano Galassi. Con l’autore ne parlerà il professor Paolo Laudisio. Alcuni spunti del libro saranno sceneggiati dal Duo “I Barattolo cosmici” formato da Rossella Castellano e Luigi Parlato. A Napoli sono ben 83 i diversi modi per indicare le percosse. In ognuna di esse è racchiusa una etimologica musicalità che al solo pronunciarla rende sensibile la minaccia, tangibile il dolore e palpabile il danno fisico. Combinate in successione, diventano sinfonia: pàccare e sicutennosse, scervecchie, votamane e fecuzzune, carocchie, ponie 'mpietto e secuzzune, 'ntommacastòmmache, càuce e schiaffune, papagne, scuzzettune e buffettune, scognamascelle, morze e sbettulune, pìzzeche dint' 'e scianche e scuppulune!

Lotta ai rifiuti in mare, il Parco ripulisce il rivolo delle Fontanelle

Operazioni di pulizia nei corsi d'acqua della penisola. Prima tappa a Marina della Lobra con la collaborazione di Regione, comune di Massa, Capitaneria di Porto e Penisola Verde

Massa Lubrense - Giornate di pulizie per il Parco Marino di Punta Campanella. In questi giorni, infatti, si stanno rimuovendo i rifiuti, soprattutto inerti, dal rivolo delle Fontanelle, nei pressi del porto di Marina della Lobra. Sono stati rimossi tutti i rifiuti, più o meno ingombranti, che così non finiranno in mare a causa delle piogge invernali. Le operazioni di pulizia sono state finanziate dalla Regione Campania che ha mostrato sensibilità e attenzione al problema dei rivi che rappresentano una delle maggiori cause di inquinamento marino. Spesso, infatti, i rivoli sono carichi di rifiuti di ogni tipo che alle prime piogge torrenziali si riversano in mare. Le operazioni di pulizia proseguiranno anche la settimana prossima, insieme ad altre iniziative di sensibilizzazione nell'ambito della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti. All'iniziativa partecipano il comune di Massa, la Capitaneria di Porto e Penisola Verde che si occuperà dello smaltimento dei rifiuti raccolti.
 

Vico Equense - Il Tar respinge la richiesta di sospensiva presentata dalla società proprietaria dell’ecomostro di Alimuri

Tar by viconline@libero.it

Il Presepe degli chef si arricchisce di nuovi “pastori”

Vico Equense - Peppe Guida, dell'Osteria Nonna Rosa di Vico Equense entra nel presepe degli chef di Maurizio Cortese. La mano inconfondibile è ancora una volta quella dell’artigiano Marco Ferrigno erede di una famiglia che, dal 1836, firma piccole opere d’arte in terracotta a San Gregorio Armeno. La cura dei dettagli, la verve nel dipingere alcuni personaggi, l’ironia e la somiglianza di certe espressioni, fanno del Presepe degli chef un piccolo capolavoro d’artigianato che vuol essere un work in progress: ogni anno, infatti, come accade nelle migliori guide gastronomiche, il presepe sarà aggiornato con l’aggiunta o la fuoriuscita di qualche chef.

Alimuri, la selfie-mania contagia i Sindaci

Gennaro Cinque e Giuseppe Tito 
Vico Equense - L'autoscatto da catturare e inviare con lo smartphone contagia il Sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque (Forza Italia) e il Sindaco di Meta Giuseppe Tito (PD). I due Amministratori hanno pubblicato su Facebook un selfie, dopo un sopralluogo nell’area di Alimuri per definire gli ultimi dettagli in vista dell’imminente demolizione dell’ecomostro, prevista per il 30 novembre. Un evento di caratura internazionale che, manco a dirlo, ha bisogno di un dispositivo di sicurezza condiviso ed efficiente. Oltre al sopralluogo dei Sindaci di Vico Equense e Meta, nelle ultime ore, si è tenuto il primo vertice interforze cui hanno preso parte anche le due amministrazioni coinvolte territorialmente. Si sta valutando l’ipotesi di mettere gli spettatori sull’arenile, mentre è al vaglio degli uffici municipali la possibilità di sgomberare temporaneamente le case e le attività ricettive situate nelle vicinanze della baia di Alimuri. Sono fasi delicate. Per eseguire l’abbattimento del rudere, il sindaco di Meta, Giuseppe Tito, ha dovuto sospendere l’ordinanza del 1996 che vietava l’accesso alla stradina che conduce alla struttura. Un intervento necessario per consentire agli operai dell’Ati vincitrice dell’appalto di prendere possesso del cantiere e procedere con gli interventi preliminari alla demolizione. L’ordinanza del 1996, quindi, stando alla decisione del primo cittadino di Meta, è sospesa fino al prossimo 12 febbraio, liberando, di fatto, un tratto di 46 metri dal confine con Vico Equense. Nel frattempo si attende a stretto giro il pronunciamento del Tar sulla richiesta di sospensiva, presentata dalla società proprietaria del manufatto fatiscente.

giovedì 20 novembre 2014

De Rosa: “C’è di tutto sul Comune…”

Armando De Rosa
Vico Equense - È durissimo l'attacco sferrato dall’ex Assessore Regionale Armando De Rosa all’Amministrazione comunale. Prossimo ormai agli 86 anni, l’ex plenipotenziario della democrazia cristiana degli anni 70/80, ha deciso di assurgere a nuovo protagonista della politica vicana ponendo nel mirino il Sindaco Gennaro Cinque e i suoi Assessori, incalzandoli con dichiarazioni critiche al limite della querela. “C’è di tutto sul Comune…”, scrive sul suo profilo Facebook. L'ex assessore, se la prende pure con i Consiglieri Comunali, di maggioranza e opposizione, perché non si accorgono di quello che succede: “Sono tutti troppo distratti”, scrive l’ex Assessore. Armando De Rosa, è stato un protagonista indiscusso della vita politica in Campania negli anni Settanta e Ottanta. Ha iniziato la sua carriera politica nell’Assise cittadina del Comune d’origine Villaricca, aveva ventuno anni. Nella DC faceva parte della corrente della cosiddetta sinistra di base, passando per il fondamentale apprendistato presso uno dei grandi leader del tempo e padre riconosciuto della Repubblica: Giovanni Gronchi, poi nominato alla più alta carica dello Stato. De Rosa nel marzo scorso ha pubblicato un libro dal titolo “Quarant’anni di politica: le mie ragioni”. Nell’autobiografia, oltre a ripercorrere la sua carriera, si sofferma in modo particolare sull’arresto di cui fu vittima nel novembre del 1987 e che, di fatto, troncò la sua ascesa politica. Era già stato designato dalla Dc come Presidente della Giunta Regionale della Campania. Il libro ripercorre tutte le fasi di quella tormentata vicenda: dall’ordine di custodia cautelare all’iter processuale, ricco di contraddizioni. La vicenda giudiziaria, dopo quattro processi, tutti di volta in volta annullati in appello, si concluse con l’assoluzione.

Verdone, De Sica, Angiolini, Siani, Argentero, Lillo e Greg, tra gli artisti alle Giornate Professionali di Cinema

Consegna dei Biglietti d’Oro la sera del 3 dicembre. Eventi per la città di Sorrento dal 30 novembre al 6 dicembre

Sorrento - Carlo Verdone, Christian De Sica, Alessandro Siani, Luca Argentero, Neri Parenti, Lillo e Greg, Ambra Angiolini, Luca Miniero, Fabio Troiano, Dino Abbrescia, Massimo Cappelli, Volfango De Biasi, Enrico Lo Verso, Vincenzo Marra, Riccardo Rossi, Maria Grazia Cucinotta, Sebastiano Rizzo, Maurizio Battista, Paolo Cevoli sono alcuni degli artisti che hanno già confermato la loro partecipazione alle Giornate Professionali di Cinema, appuntamento dell’industria cinematografica in programma a Sorrento dal 1 al 4 dicembre. Alla manifestazione, prodotta e organizzata dall’Anec, associazione esercenti cinema, in collaborazione con gli esercenti dell’Anem e i distributori dell’Anica, gli artisti presenteranno i film in uscita nelle sale. Alcuni di loro saranno a Sorrento per ricevere il Biglietto d’Oro del cinema italiano, il premio che l’Anec attribuisce ai maggiori successi al botteghino dell’annata cinematografica, in programma nella serata di mercoledì 3 dicembre al Teatro Tasso alle 21.30. Le Giornate Professionali di Cinema, che quest’anno giungono alla 37° edizione, si articolano su una serie di convention organizzate dalle case di distribuzione che, attraverso trailer, anteprime e incontri con gli operatori professionali e gli artisti, presentano i film che usciranno nei prossimi mesi.
 

Beneduce:"Bene fondi agli asili nido, ma si assicurino le prestazioni ai disabili"

Flora Beneduce
Vico Equense - “Nella Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza giunge dalla regione Campania la notizia dello stanziamento di 58 milioni, a cui se aggiungono altri 17 milioni, di cui 10 destinati al supporto e alla gestione degli asili che stanno nascendo e la restante parte al sostegno di nuclei familiari con a carico persone non autosufficienti. Un risultato ragguardevole e un’enorme soddisfazione, che, però, si stempera a causa di una situazione d’assoluta urgenza che riguarda la provincia di Salerno: l’allarme per circa 2500 disabili che rischiano di rimanere senza assistenza a causa del raggiungimento del tetto massimo di spesa da parte dell’Asl”. È la considerazione amara di Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania e vice presidente della commissione Affari istituzionali. “Mi auguro che la regione Campania intervenga subito a sanare questa emergenza e assicuri ai centri di riabilitazione i rimborsi che spettano loro dall’Asl – continua l’onorevole Beneduce -. Da martedì, molti disabili gravi, per mancanza di fondi, non potranno beneficiare delle prestazioni che spettano loro, perché l'Unità di valutazione integrata ha interrotto l'erogazione. Si arrivi ad una soluzione nel più breve tempo possibile. Il welfare è la misura dell’autentica democrazia”.

“Caruso The Song - Lucio Dalla e Sorrento”

Anteprima nazionale del nuovo romanzo di Raffaele Lauro, al Palazzo Municipale di Sorrento, il 28 febbraio 2015

Sorrento - Il sindaco in carica, Giuseppe Cuomo, il quale propose il conferimento della cittadinanza onoraria di Sorrento a Lucio Dalla, l’ex sindaco, Marco Fiorentino, che istituì il “Premio Caruso” e lo assegnò, nella seconda edizione del 2003, al cantante bolognese, l’ex sindaco Ferdinando Pinto, il quale gli conferì la cittadinanza onoraria, con una solenne seduta del Consiglio Comunale, nel 1997, nel Chiostro di San Francesco, l’ex sindaco, Antonino Cuomo, presidente dell’Associazione Studi Storici Sorrentini, la scrittrice Giuliana Gargiulo, amica del grande artista, il professor Antonino Siniscalchi, che lo intervistò, nel 1990, sull’album “Cambio” e, infine, l’avvocato Eugenio D’Andrea, che ne divenne il procuratore, presenteranno, a Sorrento, alla vigilia del terzo anniversario della scomparsa dell’artista, in anteprima nazionale, il nuovo romanzo di Raffaele Lauro, “Caruso The Song - Lucio Dalla e Sorrento”. La manifestazione, sotto l’egida dell’Amministrazione Comunale, si terrà, sabato 28 febbraio 2015, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare del Palazzo Municipale di Sorrento. La presentazione sarà moderata dal giornalista Antonino Pane e introdotta dell’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis.
 

Nascondeva droga nella tuta da motociclista, 24enne nei guai

Vico Equense - Gli agenti del commissariato di Sorrento hanno arrestato F.P., 24enne napoletano per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti, in seguito ad accurati controlli, hanno bloccato il giovane mentre a bordo di un motociclo transitava in località Seiano nel comune di Vico Equense. Gli agenti hanno rinvenuto all'interno di una tasca posta all'altezza polpaccio della tuta da motociclista che il giovane indossava, 400g. di hascisc e 4 panetti da 100g. La droga ed il ciclomotore sono stato sottoposti a sequestro, mentre il giovane è stato arrestato e condotto a Poggioreale.

Appaltati i lavori di stabilizzazione per la frana al Capo

Raffaele Apreda
Sorrento - Partiranno a breve i lavori per la stabilizzazione del corpo di frana e la rimozione dei detriti in via Fontanelle, in località Capo di Sorrento. Entro 15 giorni, una volta effettuata la verifica di congruità dei prezzi, saranno consegnati i lavori alla ditta Ludo Appalti di Caserta, che è aggiudicata la gara a licitazione privata con il massimo ribasso. Il progetto, redatto dall’architetto Gabriella De Micco e dal geologo Antonio Malafronte del Genio Civile, consentirà di avviare una prima fase dell’iter, destinato a ripristinare un ampio tratto di strada, lungo circa 60 metri, crollato a seguito della frana del 4 febbraio scorso. “Si tratta di un ulteriore passo verso la soluzione di una situazione di disagio per i tanti residenti della zona - spiega l’assessore all’Edilizia Pubblica, Raffaele Apreda - In questi mesi, abbiamo attivato tutto quanto era di nostra competenza. Sono stati necessari numerosi sopralluoghi e perizie per eseguire un accurato rilievo morfologico e topografico dell’area e giungere alla qualificazione del fenomeno. Solo lo scorso settembre, dopo l’approvazione del bilancio e ad una successiva variazione, è stato possibile stanziare la cifra di 200mila euro di fondi comunali. Speriamo ora, anche con l’aiuto dei nostri tecnici, guidati dal dirigente Alfonso Donadio, di potere in breve tempo procedere alla messa in sicurezza, per pianificare le necessarie opere di ricostruzione della strada di collegamento”.

Infanzia: Carloni-Cortese, da Caldoro e D'Angelo solo annunci

"In Campania 3500 bambini non trovano posto in asili nido" 

Regione Campania - "La politica degli annunci della giunta Caldoro non conosce sosta nè pudore. Stavolta il presidente e l'assessore Bianca D'Angelo sbandierano stanziamenti per l'infanzia e la famiglia che non trovano copertura finanziaria, poichè non sono ancora stabiliti i tetti di spesa. Intanto, nella sola provincia di Napoli 3500 bambini non trovano posto negli asili nido e 15mila treenni aspettano ancora di accedere alla scuola dell'infanzia. Quei bambini resteranno in casa, in famiglie spesso disagiate, davanti alla tv o più spesso per strada". Lo sottolinea Angela Cortese, segretario della commissione regionale Politiche sociali. "Al netto della propaganda elettorale, i numeri, incontrovertibili e certificati, dicono che ad un aumento della domanda è corrisposta una diminuzione dell'offerta. In Campania - continua Cortese - la spesa pro-capite per famiglie e minori è di 49 euro, tra le più basse d'Italia, e 22 minori su 100 abbandonano gli studi superiori. Inoltre, la nostra regione è in fondo alla classifica nazionale in fatto di servizi per la prima infanzia, in quanto solo 3 bambini su 100 sono in carico agli asili nido pubblici o ad altre servizi integrativi. Risultati, per citare le parole dell'assessore alle Politiche sociali D'Angelo, 'senza precedenti'. Ma purtroppo non nell'accezione positiva comunicata con toni trionfalistici. Per il rispetto dovuto ad un'infanzia sempre più impoverita, questa verità, specialmente nella Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, non si può tacere.
 

Regionali, spunta un'altra candidatura

Piergiorgio Sagristani e Gennaro Cinque
Forza Italia adesso vuole il sindaco Sagristani 

Vico Equense - Le prossime elezioni regionali rappresentano senza dubbio un importante passaggio politico per tutto il centrodestra campano. Forza Italia, intanto, cerca la quadra e va a caccia di candidature. Dopo aver corteggiato il Sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque, i vertici campani dei forzisti hanno iniziato un pressing sul sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani: lo vogliono in lista per la prossima bagarre elettorale in programma in primavera. Un contatto costante quello tra i berluscones e l'ex assessore provinciale al turismo che sta riflettendo sul da farsi. Sagristani valuta ogni dettaglio, anche se, per ora, sceglie di restare al suo posto, in altre parole al municipio di Sant'Agnello. "Di mollare la mia città non se ne parla". Il Sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque, invece, è al secondo mandato e non potrà ricandidarsi alle comunali del 2016... La cosa strana e che i vertici campani di Forza Italia fino a qualche giorno fa vedeva bene il Sindaco di Vico Equense in squadra, poiché per il centrodestra della penisola sorrentina poteva rappresentare una risorsa su cui scommettere. E allora come mai hanno cambiato idea?

Alimuri, nessun lido dopo la demolizione del mostro

Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino

Vico Equense - Nessuno stabilimento balneare post-demolizione. L’ecomostro di Alimuri verrà abbattuto il 30 novembre e l’area non sarà utilizzata dal Comune per fini turistici. L’ha stabilito l’amministrazione di Vico Equense attraverso una delibera di giunta, a seguito delle sollecitazioni del Wwf. «E' stata accolta la precisa richiesta esternata in conferenza stampa - afferma Claudio d'Esposito, presidente del Wwf penisola sorrentina - a fare chiarezza sul destino del sito dopo la demolizione, per non lasciare spazio a dubbi o interpretazioni». Nel nuovo documento la giunta guidata dal sindaco Gennaro Cinque ha messo un punto fermo sulla questione. «E’ intenzione di questa amministrazione, diversamente da quanto precedentemente indicato, di non voler realizzare alcun progetto – si legge nella delibera - o attività ulteriore pubblica sul sito residuato alla demolizione. Si chiarisce, inoltre, di non voler consentire che si realizzi alcun progetto privato di sviluppo o trasformazione in difformità a quanto la normativa paesaggistica, urbanistica e vincolistica consente di fare sull’area». Il Comune camminerà a braccetto con le associazioni ambientaliste in un’operazione definita come «vittoria della salvaguardia ambientale sulla cementificazione selvaggia». Lo testimonia il sopraluogo che ieri hanno effettuato in maniera congiunta presso la baia di Alimuri l’amministrazione comunale e il Wwf. «Abbiamo riscontrato sul luogo la presenza di esemplari della macchia mediterranea – spiega Claudio d’Esposito – e siamo, quindi, certi che in quell’area la natura possa rinascere anche senza l’intervento dell’uomo».
 

Cozzolino-De Luca, scintille a sinistra

Enzo Cuomo
Fonte: Roberto Fuccillo da la Repubblica Napoli 

Enzo Cuomo e mister ics. Ora lo stallo delle candidature Pd ruota intorno a questo binomio. Il senatore, ex sindaco di Portici, è praticamente pronto, ma vuole evitare di aggiungersi a Enzo De Luca e Andrea Cozzolino per essere poi preso in contropiede dal mister ics che il Nazareno potrebbe catapultare sulla scena. Un colpo di scena che rischia però di trovare il sipario calato. Cozzolino e De Luca accelerano. Il primo medita di depositarle le firme forse già domani, comunque in anticipo sulla scadenza del 24. De Luca forse rimarrà ancorato alla data del 24, non foss'altro perchè per quel giorno ha già convocato una manifestazione di presentazione a Napoli, ma intanto ieri è comparso il suo sito elettorale. I due poi sono già ai ferri corti. Il sindaco di Salerno ha parlato della sfida di «un eurodeputato», poi ha invitato a fare attenzione «a pacchi di voti preconfezionati». Cozzolino ha definito «un po' strana l'ennesima ricandidatura, a 65 anni», e gli ha ricordato che «la sua finale con Caldoro l'ha già giocata e l'ha persa». Nel partito intanto si dà ormai per saltata, non essendo stata ancora convocata formalmente, anche la direzione regionale prevista domani con Lorenzo Guerini. Si affaccia anche l'ipotesi che Roma lasci far svolgere le primarie, salvo sottoporle poi al progetto della possibile alleanza con Ncd. Gli uomini di Alfano gradirebbero, le sinistre no. Le sette sigle che avevano sottoposto al Pd un possibile manifesto per il voto, hanno di nuovo spiegato ieri che «è pregiudiziale - come ha detto Sergio D'Angelo, di Sinistra in movimento - il no a alleanze con chi ha partecipato alla devastazione della Campania insieme a Caldoro». Per Salvatore Vozza, segretario regionale di Sel, «basterebbe che il Pd applicasse il suo regolamento per le primarie, che esclude chi abbia avuto incarichi di governo col centrodestra». La caccia ai centristi potrebbe dunque costare la formazione di un cartello elettorale autonomo delle sinistre.

mercoledì 19 novembre 2014

Sospeso per 2 anni, l’ex comandante dei vigili rivuole il posto. Scatta il ricorso

Michele Tatarelli
Fonte: Salvatore Dare da Metropolis

Vico Equense - L’ex comandante dei vigili urbani Michele Tatarelli vuole rientrare in servizio. E impugna la sospensione dall’incarico – pari a due anni – sancita dal segretario del Comune, Luigi Salvato, che appena fu nominato responsabile della prevenzione della corruzione dell’ente “congelò” la posizione del capo della polizia municipale al momento a processo sul caso degli autovelox truccati (è accusato di corruzione e abuso d’ufficio ma la Procura di Torre Annunziata ha chiesto l’assoluzione) e – in secondo grado – destinatario di una sentenza di prescrizione sul giudizio riguardante una concessione edilizia rilasciata dal Comune per l’abbattimento e la ricostruzione di un manufatto. Tatarelli fu sospeso dal Comune sulla scia della legge 97/2001, una normativa che va a regolamentare le posizioni dei dipendenti pubblici coinvolti in procedimenti penali. L’ex comandante ha però richiesto il rientro a lavoro. E ha presentato un ricorso gerarchico al sindaco Gennaro Cinque e alla giunta a causa della sospensione, quantificata in due anni. Il primo cittadino, però, ha ritenuto opportuno avvalersi di un legale che dovrà supportarlo nell’analisi del caso. Motivo? Cinque è del parere che «con il segretario generale esiste solo un rapporto/dipendenza funzionale». Quindi il sindaco «ha ritenuto di non poter adempiere in merito». In tal senso, la giunta ha dovuto esaminare il “pressing” di Tatarelli e ha deciso di ingaggiare l’avvocato Biagio Bertolone, del foro di Roma, che dovrà fornire una consulenza. L’incarico costerà alle casse del Comune 3mila euro.