mercoledì 23 luglio 2014

L’isola Sorrento tra paralisi della Statale, Circum degradata e collegamenti marittimi a singhiozzo

Fonte: Antonino Pane da Il Mattino 

Sorrento - Vie del mare cancellate, treni che fanno paura, strada di accesso – l’unica – paralizzata: l’isola di Sorrento prende sempre più forma. La più grande azienda turistica dell’Italia meridionale costretta a subire le penalizzazioni di un’isola senza avere i benefici dell’isola. L’analisi dell’ex assessore regionale ai trasporti, Ennio Cascetta, sul Mattino di ieri ha messo in luce proprio questo, il continuo decadimento dei servizi pubblici da e verso la penisola sorrentina amplificati, come di più non si poteva, dalla nuova galleria-variante della Statale 145 Sorrentina che ora dopo ora mette sempre più in evidenza la miopia di chi ha voluto completare un’opera, progettata trent’anni fa, senza prevedere gli adeguamenti tecnici e funzionali per renderla adatta alle accresciute esigenze di mobilità della penisola sorrentina. La variante di Vico Equense, in buona sostanza, non solo non tiene conto degli accresciuti volumi di traffico, non considera che la Circumvesuviana è diventata una ferrovia da evitare; non valuta che le vie del mare sono diventate residuali. E così quelle che dovevano essere le alternative alla Sorrentina sono diventate le aggravanti in una sorta di circolo vizioso che ha provocato solo guai: potenziare le vie del mare? Ma c’è il treno e la strada; la Circumvesuviana muore? Ma ci sono gli aliscafi. La Sorrentina paralizzata? Ma ci sono i treni e gli aliscafi. Una sorta di scaricabarile i cui risultati oggi sono sotto gli occhi di tutti. L’errore più clamoroso si è rivelato sicuramente quello di considerare le vie del mare, e in particolare i collegamenti tra Sorrento e Napoli, come servizio residuale, cioè un servizio effettuato senza nessun obbligo da parte delle compagnie. Insomma orari affidati al tornaconto economico della società che gestisce il collegamento obbedendo alla filosofia di fondo: “Tanto c’è il treno e la strada”.
 

Salotti letterari: ultimi appuntamenti con Licia Giaquinto e Stefano Crupi

Piano di Sorrento - Si concluderà con gli appuntamenti del 24 e del 25 luglio la rassegna letteraria del Comune di Piano di Sorrento, filone imprescindibile della “Summertime 2014”, il cartellone degli eventi estivi carottesi che ha finora ospitato scrittori quali Massimo Bisotti, Angelo Petrella, Alfonso Celotto, Sergio De Santis e Antonella Ossorio sulla terrazza sul mare di Villa Fondi. Prossimi protagonisti saranno Licia Giaquinto con il libro “La briganta e lo sparviero” il 24 luglio, in via eccezionale di giovedì, e Stefano Crupi con il romanzo “Cazzimma” venerdì 25 luglio. Domani, alle ore 20.30, sarà la volta, dunque, della storia di una bambina partorita tra le terre dell’Irpinia, abbandonata dalla madre e adottata, con il nome di Filomena, da una vicina di casa. Cresciuta ribelle, Filomena fugge nelle incertezze tutte italiane di metà Ottocento e diventa la “briganta” legata da un amore folle e disperato ad un uomo soprannominato lo “sparviero”, dediti insieme a furti e rapine, fino a quando il passato non torna prepotente in agguato. La presentazione del libro “La briganta e lo sparviero” (Marsilio Editore) sarà moderato dalla Prof.ssa Filomena Staiano. Licia Giaquinto ha origini irpine, è laureata in Lingue e, dopo una parentesi di permanenza a Parigi, oggi vive tra Bologna e la costiera amalfitana. Ha pubblicato libri con Feltrinelli e scritto testi teatrali rappresentanti da numerose compagnie. La Libreria L’Indice applicherà il 15% di sconto sulle copie acquistate durante la presentazione. A seguire, venerdì 25 luglio, avrà luogo la presentazione del libro “Cazzimma” di Stefano Crupi (Ed. Mondadori) in un appuntamento moderato dalla Prof.ssa Marilù Ruggiero. Si tratta di un romanzo di narrativa contemporanea che racconta la storia di due gioventù bruciate dallo spaccio di droga con l’illusione dei guadagni facili e privi di scotti da pagare, in una Napoli rovente dominata dai boss e da atavici meccanismi di predominio. Sisto e Tommaso, impareranno presto il giogo dell’incoscienza e la leggerezza della rinascita possibile, anche se dolorosa. Stefano Crupi è uno scrittore di origini casertane, laureato in Economia e Commercio presso l’Università “Federico II” di Napoli, giornalista dal 2010. Ha scritto per “Linkiesta”, “Tuttiinpiazza.it”, “Fresco di stampa” e “Sportcasertano.it”. “Cazzimma” è il suo romanzo d’esordio, già caso editoriale. La Libreria inMondadori applicherà il 15% di sconto sulle copie acquistate durante la presentazione.

B&B e tassa rifiuti, l'amministrazione comunale accoglie la proposta dell'Abbac. Equiparata la tassa a quelle delle civili abitazioni

Agostino Ingenito, presidente Abbac Confesercenti : "Ora i comuni turistici si adeguino e si avvii un'azione decisa per le reti di ospitalità diffusa"

Vico Equense - L'Abbac Confesercenti ringrazia l'amministrazione comunale di Vico Equense retta dal sindaco Cinque, che su proposta dell'assessore Antonio Di Martino ha equiparato i Bed & Breakfast cittadini alle civili abitazioni così come sancito con l'approvazione del nuovo regolamento IUC. Lo conferma l'art 17C comma 8 del regolamento IUC che è' stato esteso a tutto il territorio comunale. " Avevamo richiesto fin da subito di mettere mano al regolamento per eliminare il balzello che equiparava i b&b a categoria professionale - commenta il presidente Abbac Agostino Ingenito- Nel novembre scorso avevamo condiviso con gli operatori di adottare un dialogo con l'amministrazione che ci ha anche consentito di avviare un percorso virtuoso con un seminario formativo gratuito sulla corretta gestione dei b&b". Il comparto ricettivo extralbeghiero ha consentito in questi ultimi anni di aumentare i posti letto a Vico Equense rispetto alla consistenza alberghiera che e' rimasta invariata dagli anni 80. L'offerta ricettiva complementare sta garantendo nuovi flussi turistici individuali e implementa l'economia dell' indotto e per tale motivo vanno compiuti degli sforzi . " Ringrazio personalmente l'assessore Di Martino che ha compreso quanto sia potenziale il nostro settore, l'auspicio e' garantire maggiore qualita' nell'offerta ricettiva e nei servizi per aumentare ulteriormente l'appeal di Vico Equense - conclude Ingenito - Lavoreremo in sinergia con l'amministrazione per supportare la rete extralberghiera anche professionale e garantire ulteriori flussi nell'ottica della destagionalizzazione e sostenibilità"

Il sindaco di Vico Equense continua a rinunciare all'autista: «Il Comune risparmia 30mila €»

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis 

Vico Equense - A chi non è capitato di vedere Gennaro Cinque alla guida dell’automobile del Comune di Vico Equense? Una vera e propria tradizione. Che il sindaco - un fedelissimo di Forza Italia - non intende “tradire”. Soprattutto oggi, in un momento di crisi e con la spending review che continua a mettere alle strette gli enti locali. Anche perché, a detta sua e della giunta, la mancanza di un’autista municipale comporta un risparmio di tutto rispetto per le casse dell’amministrazione. E anche facilmente quantificabile. Si parla di circa 30mila euro annui nell’ultima delibera con cui primo cittadino e assessori hanno approvato il regolamento per l’utilizzo dei veicoli di proprietà dell’ente in cui c’è ancora una volt semaforo verde per l’assenza di un “pilota” a carico del Comune. Cinque ha deciso di continuare a rinunciare all’assunzione di un autista provvedendo in proprio ai “viaggi istituzionali”. Eccetto il carburante: in caso di rifornimento, Cinque potrà addebitare la spesa anche sui conti dell’amministrazione. Decisione che in passato fu anche oggetto di un accesso scontro politico scaturito in una denuncia che poi non ha più avuto riscontri. Il sindaco di Vico Equense ha spinto per continuare a rimanere “senza pilota” anche perché si è dichiarato disponibile «a condurre personalmente un veicolo comunale per fini strettamente istituzionali rinunciando, nei casi possibili, a utilizzare l’autista consentendo quindi all’ente di utilizzare la prestazione lavorativa del dipendente per altri obiettivi». In particolare, per la segreteria comunale. Non finisce qui. Cinque, scorrendo il testo della delibera, rivendica il suo diritto a «potersi muovere in libertà e non essere alle “dipendenze” di un qualsiasi autista, sia esso dipendente comunale o esterno, quando è presente o disponibile se non destinato a altre incombenze». Senza dimenticare che «i mezzi rappresentano un vero e proprio strumento di lavoro:». E’ finita? Macché. La valanga di motivi per cui Cinque continua a voler restare l’unico “autista” del Comune punta anche su un altro particolare.
 

Faito Doc Festival, 12 giorni all'inaugurazione della VII edizione

Vico Equense - Tutto pronto per il taglio del nastro della settima edizione del Faito doc Festival . Cinema d'autore, musica, natura e eventi. Sei giorni da vivere al pieno dal 4 al 9 agosto. Oltre 25 ospiti tra registi , musicisti e artisti provenienti da tutto il mondo e che condivideranno con la giuria , il pubblico e lo staff i sei giorni di proiezioni , concerti, mostre,performance, workshop, laboratorio per bambini, cene e passeggiate naturalistiche. Un programma ricco con proiezioni che avranno come protagonisti i saloni della Reggia di Quisisana e il verde di Monte Faito. Ventidue i documentari in concorso tra lungometraggi e cortometraggi. Quattro , invece , le proiezioni delle pellicole fuori concorso. Cinque eventi speciali, quattro proiezioni del Campania doc. Un unico filo conduttore: l'Empatia. "Il tema proposto per l'edizione 2014 - spiegano i direttori artistici ed ideatori del Festival Turi Finocchiaro e Nathalie Rossetti- abbraccia un largo spettro di definizioni. Noi privilegiamo questa: "Capacità di porsi nella situazione di un'altra persona o, più esattamente, di comprendere immediatamente i processi psichici dell'altro".I documentari di creazione selezionati, cortometraggi e lungometraggi raccontano la capacità o l'incapacità di provare empatia da tutti i punti di vista (empatia per l'altro, per la natura, per la musica, per l'arte). Il pubblico, potrà così scoprire questa qualità dell'essere umano in film più intimisti ma anche in film più sperimentali".

Tasse, il consiglio comunale ha deciso aliquote e scadenze

di Claudia Esposito

Vico Equense - Il Consiglio comunale ha approvato regolamenti e tariffe delle imposte Tari, Tasi e Imu, facenti parte della Iuc, il nuovo tributo unico comunale. «Da tre anni – spiega l’assessore al Bilancio, Antonio Di Martino – il governo centrale sottopone gli enti locali a regimi contabili diversi. I cittadini, disorientati, se la prendono con il Comune, ma noi abbiamo fatto tutto il possibile per attutire l’impatto di questa tassa, applicando le aliquote previste dalla finanziaria senza le maggiorazioni disposte recentemente per decreto dal governo Renzi». Per quanto riguarda la Tasi, la nuova imposta sui servizi indivisibili, e basata, come l’Imu, sulla rendita catastale degli immobili, l’aliquota base sulla prima casa sarà del 2,25 per mille (al posto della massima prevista dall’ultimo decreto al 3,3 per mille). Le seconde case affittate pagheranno lo 0,15 per mille. Detrazione totale per gli inquilini, che avrebbero dovuto pagare una percentuale variabile della Tasi tra il 10 e il 30 percento. «Uno sgravio - continua De Martino – a cui teniamo molto anche se il gettito preventivato di questa nuova tassa sarà di 1,2 milioni, quindi inferiore ai 1,3 milioni di tagli che quest’anno ci farà lo Stato». Previste detrazioni di 25 euro per ogni figlio a partire dal terzo e 50 euro per ogni componente colpito da grave disabilità. In merito all’Imu, che non tocca la prima casa, restano le aliquote base del 2012. Le seconde case pagheranno il 10,45 per mille. Benefit di tre punti percentuali per i locali commerciali che non ospitano al loro interno slot machines e per quelli in attività, misura questa per evitare la desertificazione commerciale. «Per reperire i fondi derivanti dagli sgravi fatti a cittadini e commercianti – spiega l’assessore – contiamo di ottenere almeno 400 mila euro dal nostro progetto di equità tributaria, fondi da reperire tramite l’aggiornamento di rendite catastali ormai obsolete». Per quanto riguarda la Tari, la nuova imposta sui rifiuti, resta il principio della Tares del «Chi inquina di più paga di più» con la differenziazione in base ai componenti del nucleo familiare e al tipo di attività commerciale condotta. Le famiglie risparmieranno rispetto al 2013, con tariffe contenute per piccole superfici e nuclei numerosi. I bed and breakfast saranno equiparati alle private abitazioni, agevolazioni anche per i comparti in difficoltà, quali camping e zone montane. Sconti anche per le aziende che smaltiscono rifiuti pericolosi e per quelle che aderiscono alla filiera di qualità «Codice morale della penisola sorrentina».


Eventi. Sorrento Gentile ricorda Luisa Conte

Sorrento - Dopo i tributi ad Eduardo e a Titina De Filippo, un altro appuntamento nel segno del teatro napoletano quello in programma domani 24 luglio, alle ore 19 e trenta, nell’ambito della rassegna Sorrento Gentile, promossa dal Comune di Sorrento e curata da Giuliana Gargiulo. Protagonista dell’appuntamento sarà l’attrice e regista Lara Sansone, che sarà a Sorrento per ricordare, a 20 anni dalla sua scomparsa, il talento straordinario di Luisa Conte. Prossimo appuntamento giovedì 31 luglio, con il giornalista Antonio Lubrano, volto noto per le sue trasmissioni Rai “Mi manda Rai Tre” e “Mi manda Lubrano”, che presentarà il suo ultimo libro, “L’isola delle zie”, edito da Ferrari, un romanzo ambientato sullo sfondo blu del mare e del cielo di Procida.

Ipotesti nuovo tunnel. Verdi: "altro spreco di soldi e lavori infiniti"

"Meglio chiudere tutto e processare gli autori di questo disastro"

Vico Equense - L'unica alternativa per risolvere in maniera radicale il problema di code e ingorghi sulla statale 145 Sorrentina è la costruzione di un altro tunnel da Seiano a Meta. In quest'ottica l'Anas ha rispolverato un antico progetto, ma i costi per «bucare» la montagna per circa due chilometri appaiono proibitivi. "E' incredibile. E' stato appena aperto un tunnel dopo 35 anni di lavori e l'impiego di molti milioni di euro e solo adesso si sono accorti di aver sbagliato tutto. Adesso - attacca Francesco Emilio Borrelli dell'esecutivo nazionale dei Verdi - vorrebbero farne un altro spendendo altre centinaia di milioni euro. Ma non potevano pensarci prima? Ma i tecnici che hanno causato questo ennesimo disastro non dovrebbero essere messi sotto inchiesta ed eventualmente anche processati e pagare per i loro eventuali errori? Hanno realizzato un tunnel che aumenta il traffico invece di ridurlo e per farlo sono stati impiegati 35 anni e ingenti risorse. A questo punto meglio chiudere tutto nell'attesa dell'intervento della Magistratura. Qualcuno dovrà assumersi queste responsabilità"

martedì 22 luglio 2014

Il sindaco Cuomo nomina la nuova giunta

Sorrento - Il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, ha nominato oggi i componenti della nuova giunta comunale. Confermati tutti gli assessori del precedente esecutivo, fatta eccezione per Federico Cuomo, al quale subentra Massimo Coppola. La delega di vice sindaco è stata riassegnata a Giuseppe Stinga. In giunta, oltre a Stinga e Coppola, siederanno Raffaele Apreda, Maria Teresa De Angelis, Federico Gargiulo e Mario Gargiulo. “Ringrazio in primo luogo Federico Cuomo per l’ottimo lavoro svolto - ha commentato il sindaco - Apprezzo la rinuncia a far parte della giunta, che conferma il suo grande spirito di collaborazione, orientato all’interesse della coalizione. Si è comunque reso disponibile a continuare il suo impegno, in qualità di mio consulente. L’esperienza da lui accumulata, ci permetterà di offrire un importante contributo all’amministrazione della nostra città”. "La scelta di inserire il consigliere Massimo Coppola - aggiunge Cuomo - risponde all’esigenza di dare un’opportunità ad un giovane che ha raccolto un grosso successo in termini di consensi, e che porterà il suo grande entusiasmo nell’azione da svolgere. Per quanto riguarda le deleghe, verranno assegnate successivamente, con separato provvedimento, al termine del giro di incontri con i singoli assessori e gruppi consiliari”.

Festa del Mare a Conca dei Marini: una corona d’alloro in ricordo delle vittime del mare

Domani, mercoledì 23 luglio, al Borgo Marinaro si rinnova il rito che onora i caduti. L’appuntamento fa parte del “SantarosaConcaFestival”: prossimi appuntamenti il 1 e 2 agosto per la celebrazione della sfogliatella con lo chef Christoph Bob e il re dei pasticciere Sal De Riso

Conca dei Marini - Anche quest’anno Conca dei Marini, paese affacciato sulla splendida costiera Amalfitana, celebra i suoi caduti con la tradizionale “Festa del mare”. Mercoledì 23 luglio alle ore 19 è in programma sulla spiaggia del Borgo Marinaro la Messa in ricordo delle vittime e, subito dopo, dallo specchio d’acqua antistante la caratteristica insenatura, un gozzo di pescatori prenderà il largo, al tramonto, per deporre una corona di alloro come tributo e riconoscenza alle numerose vittime del mare che, sacrificando le proprie vite, hanno dato lustro ed onore al paese di Conca. Al calar della sera, infine, le viuzze del Borgo si animeranno con musica e degustazioni di piatti tipici come la frittura di totani e di pesce azzurro. L’appuntamento rientra nella terza edizione del “SantarosaConcaFestival”, la festa dedicata alla sfogliatella, in programma fino al 28 agosto 2014. Prossimi appuntamenti: venerdì 1 agosto il concorso tra pasticcieri “Miglior Sfogliatella 2014 Lemon & Chocolate” presso l’Hotel Belvedere, con il “Re dei dolci del sole” Sal De Riso e lo chef del Monastero Santarosa Christoph Bob; sabato 2 agosto, dalle ore 21,00, la “Festa della Sfogliatella” con degustazioni, lungo le stradine del paese, dei piatti tipici e della famosa sfogliatella Santarosa.


A Sorrento, si inaugura "Incontri - Mostra d'arte Contemporanea"

Sorrento - Da sabato 26 luglio fino al 18 agosto, presso l'Hilton Sorrento Palace, saranno esposte le opere di quattro artisti: Massimo Sepe, Isabelle Lamaitre, Dino Maccini e Carlo Fontanella. “Incontri - Mostra d'arte Contemporanea” è il il titolo della mostra, nata proprio da una casuale conoscenza tra loro. Artisti che si esprimo con materiali, tecniche e stili differenti gli uni dagli altri, ma con il comune denominatore della ricerca e della passione creativa. Massimo Sepe più che artista ama definirsi artigiano. Innamoratosi della duttilità del vetro, ha iniziato a lavorarlo affascinato dai colori, le trasparenze e i giochi di luce che questo materiale consente di realizzare. Per poi, dopo qualche decennio, creare opere tagliando il vetro e legandolo con il piombo. I suoi lavori sono in ville e chiese. Uno tra tutti, l' “Ultima Cena”, è ammirabile presso la sagrestia della Cattedrale di Sorrento. Attualmente, ha inserito tra le sue creazioni sculture in legno. Dino Maccini ha l'abilità dei maestri del mosaico antico, unisce tessere di marmo, di vetro e smalto in forme moderne e sofisticate. La passione innata per l'arte e, in particolare, per i mosaici, lo ha condotto a Ravenna, dove ha appreso l’antica tecnica. Lo studio approfondito dell'arte musiva lo ha spinto poi ad un ininterrotto perfezionamento dei manufatti, unici nel loro genere. Isabelle Lamaitre, belga di nascita ma sorrentina di adozione, coniuga nei suoi quadri le atmosfere della patria lontana con innesti di mediterraneità. Di lei è stato scritto: "Un modo fluido di leggere il reale come un’entità scorrevole e mai totalizzante è nell’opera di Isa.


Nino D’Angelo in concerto ad Agerola per Fiordilatte Fiordifesta

Il cantautore napoletano chiuderà la XXXIV edizione del Fiordilatte Fiordifesta con il suo Tour Estate 2014 

Agerola - Il tour “Estate 2014” di Nino D’Angelo fa tappa ad Agerola in occasione di Fiordilatte Fiordifesta, la sagra dedicata ai prodotti tipici del territorio, organizzata dall’Associazione Sant'Antonio Abate che riunisce imprenditori e cittadini di Agerola, mossi dall'intento comune di far conoscere le bontà e le bellezze della propria terra. Il noto artista napoletano si esibirà lunedì 4 agosto, durante la serata di chiusura della manifestazione, con un concerto gratuito che avrà luogo alle ore 22,30 nel Piazzale San Pietro Apostolo della frazione di Pianillo, da sempre protagonista del trentennale evento. Ancora una volta, alla volontà di valorizzare il patrimonio di eccellenze gastronomiche del suggestivo comune campano che si colloca a metà strada tra la Costiera Sorrentina e quella Amalfitana, si aggiunge l’organizzazione di momenti di spettacolo che sappiano coinvolgere figure di primo livello. In occasione della XXXIV edizione del Fiordilatte Fiordifesta la scelta è caduta su un grande e talentuoso artista della tradizione canora partenopea: Nino D’Angelo. Gaetano D’Angelo, in arte Nino, più che un cantautore è ormai una vera e propria icona pop: nato il 21 giugno 1957 a San Pietro a Patierno, quartiere periferico di Napoli, intona le prime canzoni sulle ginocchia del nonno materno, grande appassionato di musica napoletana. Oggi, l’artista campano ha all’attivo ben cinque partecipazioni al Festival di Sanremo e la produzione di oltre quaranta album, in media quasi uno all’anno, dimostrandosi da sempre un prolifico artista, teso alle sperimentazioni sonore e, come dimostrano le sue prove di regista teatrale e cinematografico, a nuove esperienze extramusicali. I suoi spettacoli sono viaggi nei tempi e nei luoghi di Partenope, città che da sempre ispira questo cuore di Napoli amato in tutto il mondo, atteso ad Agerola dai fan che lo seguono ovunque con il consueto affetto. Si preannuncia, dunque, un grande momento di musica e divertimento che saprà degnamente accompagnare la nuova edizione dell’evento gastronomico più atteso dell’estate campana.

Vico Equense - Concerto della Fanfara dei Carabinieri


Pedana selvaggia, in centro i pedoni non hanno più spazio: è polemica

I cittadini: mancano linee guida per il decoro urbano. Un'interrogazione urgente 

Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino 

Vico Equense - Aumentano le pedane esterne dei bar, diminuisce lo spazio sui marciapiedi per passeggiare. A lamentarsi sono i cittadini, attraverso segnalazioni al Comune di Vico Equense e messaggi pubblicati sui social network. «Il Comune deve fare cassa a tutti i costi, senza badare al contegno di un paese (ex turistico) dai connotati attuali molto vicini ai borghi caotici centroamericani», scrive Pasquale Violante nel gruppo Facebook «StopScempi». Qualcuno lo chiama addirittura «pedanificio». «La situazione che si è creata nei pressi della storica casa comunale è vergognosa – afferma Natale Maresca, consigliere della lista In movimento per Vico – All’esterno di una pizzeria è stata montata una pedana, munita di copertura, che ha ridotto il marciapiede, già rovinato dai lavori infiniti per il cinema, ad una striscia. Oltretutto è esteticamente brutta e sottolinea la mancanza di linee guida per un decoro urbano». A seguito delle proteste, l’amministrazione ha deciso di munirsi di un regolamento a riguardo. Ma le pedane hanno già invaso il centro cittadino. Sono cinque quelle site nel cuore della città: una in via Nicotera, l’altra in corso Filangieri, due in corso Umberto, una in via Roma ad angolo con la piazza, in quello che era lo stallo del taxi. Soltanto una, tra queste, possiede l’autorizzazione edilizia con parere favorevole della Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici. Le altre sono temporanee e, pertanto, non necessitano del parere ambientale. Il danno all’immagine del paese, però, sembra evidente. «Abbiamo concesso il nulla osta per l’occupazione di suolo pubblico nei casi in cui sono stati rispettati i criteri previsti dall’articolo 20 del codice della strada e dal regolamento comunale» spiega il comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino. «Altro discorso – continua il comandante – è quello della copertura. La norma prevede che le sovrastrutture temporanee siano consentite anche senza richiedere l’ok alla Soprintendenza, a condizione che la loro permanenza non superi i 90 giorni».
 

Violenza sessuale, ordinanza di custodia cautelare per due giovani sorrentini. La vittima è affetta da disabilità

di Salvatore Caputo 

Sorrento – E’ stato tratto in arresto dalla Polizia di Stato del Commissariato di Sorrento, all’alba di stamane un giovane pregiudicato ventiseienne originario di Sant’Agnello con l’accusa di violenza sessuale continuata e lesioni personali aggravate nei confronti di una donna sorrentina affetta da disabilità. L’operazione è stata condotta con successo dagli uomini del vice Questore aggiunto, Antonio Vinciguerra e coordinata dal Sostituto Commissario Emanuele Bruno sulla base di una scrupolosa attività investigativa. I fatti risalenti al 28 Giugno, riguardano una donna che subito dopo essere stata violentata e picchiata ripetutamente durante la notte da due individui, ha sporto denuncia al Commissariato di Sorrento senza fornire una descrizione precisa degli aggressori. Il successivo sviluppo delle indagini, dirette dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, consentiva di risalire rapidamente alla identità personale degli autori del delitto, riconosciuti in fotografia sia dalla vittima che da un testimone chiave, il quale ha dichiarato di avere visto la donna in preda ai due malviventi. La stessa vittima, nonostante l’evidente e perdurante situazione di stress emotivo, forniva una sommaria descrizione dei suoi aggressori ed esprimeva il proprio consenso ai rilievi della Polizia Scientifica sulle ecchimosi e sulle impronte dei morsi presenti sul corpo, la quale ha dichiarato di aver ricevuto in seguito agli abusi sessuali.
 

Piano sociale di zona, bando pubblico "Laboratori Amici pet" e trasporto gratuito

Penisola sorrentina - I Comuni di Massa Lubrense, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Sorrento hanno indetto un bando pubblico per l'accesso all'azione progettuale "Laboratori Amici Pet" e trasporto gratuito, afferente al Progetto "AccordiamociAccordiamo"- Accordi Territoriali di Genere. Destinatari del laboratorio sono i bambini d’età compresa tra i 6 e i 10 anni, con madri lavoratrici anche stagionali o con contratto atipico. Il Laboratorio “Amici Pet” ha la finalità di avvicinare i bambini al mondo animale, con l’obiettivo di migliorare le competenze sociali, cognitive ed emozionali dei più piccoli, sfruttando le capacità dei pet per creare attenzione e stimolare apprendimento, comunicazione e riflessione. I laboratori si articoleranno in totale di 18 incontri con cadenza settimanale, strutturati in due gruppi (9 incontri con 20 bambini a gruppo divisi per fascia d’età). Le attività che avranno inizio a partire dal mese di Settembre e si svolgeranno presso il Conservatorio dei Sette Dolori a Sant’Agnello. I partecipanti ai laboratori possono far richiesta anche di trasporto gratuito dal proprio Comune di Residenza. I soggetti interessati ed in possesso dei requisiti, potranno presentare la domanda d’accesso a partire dal 21 Luglio e fino all' 8 agosto, presso l’Ufficio di Piano di Zona, sito in Corso Italia 236 – Sorrento.

I vigili faranno 280 mila euro di multe

Vico Equense - Da qualche parte i soldi bisogna pur prenderli… E allora le Amministrazioni ordinano «giro di vite». Via alla tassazione massima e largo ai verbali senza quartiere. Vico Equense prevede 280mila euro di incassi. I soldi delle multe serviranno per sistemare le strade del paese. E non solo. Verranno usati anche per abbattere le barriere architettoniche. Lo ha stabilito una delibera di giunta sulla base di una previsione di multe che i vigili faranno nell’anno in corso. Secondo le previsioni «ottimistiche» del comune gli automobilisti che circoleranno a Vico Equense prenderanno 280 mila euro in multe. Il 50 percento di questo importo servirà al comune per fare un bel po' di lavori. La segnaletica, acquistare mezzi agli stessi vigili. Il 50 percento della somma sarà usato per la manutenzione delle strade, oltre a lavori di installazione, ammodernamento, potenziamento e messa a norma delle barriere architettoniche e sistemazione del manto stradale. Inoltre sarà garantita l'assistenza e la previdenza del personale della stessa polizia locale. Nella relazione di giunta sono anche previsti degli interventi per tutelare la circolazione delle categorie deboli, quali i bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti. Progetti importanti quindi per la sicurezza sulle strade che potranno essere realizzati solo se il comune incasserà tanti soldi.

Caos Sorrentina, la soluzione dell'Anas: «Serve un altro tunnel»

Fonte: Antonino Siniscalchi da Il Mattino 

Vico Equense - L'unica alternativa per risolvere in maniera radicale il problema di code e ingorghi sulla statale 145 Sorrentina è la costruzione di un altro tunnel da Seiano a Meta. In quest'ottica l'Anas ha rispolverato un antico progetto, ma i costi per «bucare» la montagna per circa due chilometri appaiono proibitivi. Anche perché andrebbero ad aggiungersi ai 115 investiti nella galleria di Pozzano-Seiano, inaugurata mercoledì scorso a 32 anni dalla progettazione, senza riscontri concreti per migliorare la mobilità. «L'Anas ha già a disposizione un progetto, redatto a livello preliminare, che prevede uno svincolo subito dopo l'uscita della galleria, prima del ponte Seiano, un ulteriore piccolo svincolo e una galleria che arriva fino a Meta». L'eco del traffico ad andamento lento e degli ingorghi al bivio di Marina d'Equa, nel primo weekend di vita del nuovo tunnel, impone inevitabilmente una revisione del piano di mobilità sulla statale Sorrentina. Il capo compartimento Anas per la Campania, Eugenio Gebbia, da giorni in prima linea per verificare gli effetti della nuova infrastruttura, guarda al futuro con realismo. «A lungo termine – spiega l'ingegnere Gebbia – dobbiamo verificare l'opportunità di proseguire il percorso in galleria fino a Meta. Il finanziamento che occorrerebbe è di ben 110 milioni, una cifra di questi tempi di non facile reperimento. Per questo motivo l'Anas ha messo allo studio anche altri progetti di più immediata realizzazione». Acclarato che il bivio per Marina d'Equa rimane il punto di criticità più marcato, l'Anas è orientata su due fronti.
 

Estate. Giochi e attività per i più piccoli nel chiostro della SS. Trinità e Paradiso

Vico Equense - Giochi e attività per i più piccoli nel chiostro della Santissima Trinità e Paradiso. Parte il rilancio delle politiche per l’infanzia dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Gennaro Cinque. “Abbiamo sempre avuto a cuore lo sviluppo dei bambini”, ha dichiarato Maria Cioffi, Assessore alle politiche sociali. “Lo dimostrano – aggiunge l’Assessore Cioffi – le tante iniziative realizzate nel corso degli anni. Non basta, nei prossimi mesi intensificheremo le attività a favore dei piccini. Promuoveremo il Consiglio comunale dei ragazzi, quale strumento di partecipazione. Implementeremo le iniziative a sostegno del gioco, riconosciuto come strumento indispensabile per una crescita psicofisica equilibrata dei più piccoli. Favoriremo, altresì, laboratori di educazione ambientale.” Tra le azioni estive, che l’assessorato alle politiche sociali aveva previsto all’interno della propria programmazione, vi era la colonia marina. “Non è stato possibile – chiarisce l’Assessore Cioffi - realizzarla a causa della tempistica e della prolungata concertazione tra i comuni dell’ambito 33, legata agli atti e alle operazioni consequenziali alla questione del Piano sociale di zona e delle delibere commissariali ad essa riferite.” In sostituzione della colonia marina, la maggioranza ha deciso di promuovere iniziative estive, in collaborazione con le associazioni del territorio e altre realtà del terzo settore, nello spazio all’aperto del chiostro seicentesco della SS. Trinità. “Credo – conclude l’Assessore Cioffi – possa essere utile nella nostra azione amministrativa tenere ben presente quella che è una considerazione al riguardo, a mio avviso molto significativa, della Commissione Europea: E’ necessario investire sull’infanzia per spezzare il circolo vizioso dello svantaggio sociale.”

Sorrento, ancora code. Controesodo nel traffico

Vico Equense - Code anche ieri nella galleria di Santa Maria di Pozzano, il tunnel di cinque chilometri che collega Castellammare di Stabia con Vico Equense. Rispetto al caos di sabato, la situazione ha fatto però registrare un lieve miglioramento. Ciò nonostante, per gli automobilisti che hanno trascorso il fine settimana in Penisola sorrentina, i disagi si sono ripresentati in serata, al momento del rientro, con lunghe file, giunte fino a sei chilometri, al casello di Castellammare in direzione Napoli. Spiega il sindaco di Vico Equense, Gennaro Cinque: «Nella zona dell'imbuto di Seiano le cose sono andate meglio rispetto al primo giorno. I problemi esistono, ma trovo sbagliato parlare, come ho sentito, di galleria-flop. È un'opera importante, che va tutelata e messa a regime, facendo in modo che gli utenti possano conoscerla e abituarsi. L'Anas sta facendo un grandissimo lavoro, con venti uomini impiegati in strada per diciotto ore al giorno». I disagi non hanno comunque danneggiato questo week end di luglio: «Al contrario - assicura il sindaco Cinque - basti pensare che sabato abbiamo registrato 18 mila passaggi fra le 18 e le 21, segno che i turisti amano la Penisola». (Fonte: La Repubblica Napoli) 

lunedì 21 luglio 2014

Villa Fiorentino ospiterà gli alunni del plesso di Cesarano

Sorrento - Saranno le sale di Villa Fiorentino, a Sorrento, ad accogliere provvisoriamente le aule del plesso scolastico di Cesarano, chiuso il 31 marzo scorso per sopravvenuti problemi di staticità dell’edificio. La decisione è stata resa nota dal sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, all’indomani della gara, andata deserta, per il noleggio di una struttura prefabbricata dove sistemare, in attesa di una soluzione definitiva, i 150 bambini che frequentano le sei classi della scuola dell’infanzia e di quella primaria. “In questi giorni abbiamo preso in considerazione diverse soluzioni - spiega Cuomo - E, ad oggi, la sede di Villa Fiorentino ci sembra la più idonea. Siamo consapevoli dei disagi arrecati alla programmazione di mostre ed eventi. Non ultima la prestigiosa esposizione dedicata a Pablo Picasso la cui chiusura, nostro malgrado, dovrà a questo punto essere anticipata al 31 agosto. Ma la serenità dei nostri bambini e delle loro famiglie hanno la priorità. Il diritto allo studio è più importante di ogni altra qualsivoglia considerazione”.

Santa Caterina quartiere aperto

A Castellammare di Stabia il Centro Antico si fa bello 

Castellammare di Stabia - Si svolgerà sabato 26 luglio 2014, dalle ore 10.30 alle ore 24.00, nella strada di Santa Caterina a Castellammare di Stabia, la manifestazione “Santa Caterina quartiere aperto, il Centro Antico si fa bello”, viaggio all’insegna della cultura e della tradizione stabiese. Il quartiere “apre” alla città e si “rifà il trucco”, invitando gli Stabiesi in primis a tornare a frequentare le strade e i vicoli che hanno ispirato e dato i natali a grandi artisti e che, durante il Regno dei Borbone, divennero teatro di una delle principali tappe del Gran Tour europeo. Tra degustazioni di prodotti tipici, mercatini artigianali, mostre pittoriche e fotografiche, proiezioni, madonnari, interventi musicali con tammorre dei Monti Lattari e posteggia napoletana, a fare da guida alla riscoperta della strada e della Chiesa di Santa Caterina, che tra l’altro ospita opere di Giuseppe Bonito, Ludovico Mazzanti e Giuseppe Verzella, saranno i Bambini del Centro Antico. L’evento, che molto probabilmente avrà il patrocinio morale dell’Amministrazione comunale, ha preso corpo nei locali dell’Associazione Culturale Myo, quando alcuni amici si chiesero quale fosse la maniera migliore per dare concretezza alle tantissime istanze di vivibilità e di ritorno alla normalità che provenivano dal quartiere. “Abbiamo cominciato col chiedere a tutti di abbellire e rendere più luminosi balconi e antichi portali - spiega Gianluca Caccioppoli, presidente della Associazione.
 

Fondi UE, Marciano: Caldoro come mago merlino, trasforma la realtà

Regione Campania - “Sui fondi europei Caldoro deforma la realtà come Mago Merlino, visto che continua a vantare il raggiungimento dei target di spesa, ma omettendo un piccolo particolare: quegli obiettivi sono stati raggiunti su programmi enormemente ridotti rispetto alla dotazione iniziale. Il FESR, ad esempio, è passato da circa 7 miliardi di euro a 4,57 e, per questi, al 31 maggio la spesa certificata era di circa 1,52 miliardi; il FSE, invece, aveva una quota di 1,118 miliardi di euro, poi ridotta a 868 milioni, con spesa certificata ferma a 470 milioni”. Così il vicecapogruppo regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano, risponde alle dichiarazioni odierne sui fondi europei del Presidente della Giunta, Stefano Caldoro. “Nel mentre, la scelta di concentrare il 40 per cento dell’intera disponibilità sui Grandi Progetti allo stato si è rivelata, come abbiamo denunciato a più riprese in questi anni, miope e irresponsabile. Basti pensare solo a quanto succede alla più grande industria della nostra regione, il Porto di Napoli, dove il Grande Progetto è al palo da quattro anni”, aggiunge il consigliere. “Caldoro e la sua Giunta ci hanno ormai abituato alla trasformazione della realtà, con una comunicazione invasiva e fuorviante. Ma, ahinoi, le condizioni di vita delle nostre famiglie e delle nostre imprese, al netto di conferenze stampa, convegni e comunicati dai toni trionfalistici, raccontano ben altro”, conclude Marciano.

Flora Beneduce: “Seiano. Pronta un’interrogazione sulla riapertura della galleria”

Vico Equense - “Un’opera colossale che rischia di trasformarsi in una colossale beffa. È costata oltre 130 milioni di euro, ha bloccato l’indotto economico legato al turismo via terra e ha richiesto sacrifici esasperanti ai cittadini pendolari che, dalla Penisola sorrentina, si spostano con l’auto”. Così, Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania, esprime il suo disappunto riguardo l’apertura della galleria di Seiano, che ha generato code interminabili e, di fatto, ha inibito la circolazione sulla statale sorrentina. “Ad ottobre scorso, in Consiglio regionale, paventando l’esito disastroso dell’apertura del tunnel, attraverso modalità non adeguate, ho promosso presso i capigruppo un ordine del giorno per trovare una soluzione. Ora sono pronta a ripartire, con un’interrogazione che non potrà restare inevasa”. L’onorevole Beneduce è determinata a trovare una soluzione al traffico disastroso che sta prostrando non solo il settore turistico, ma tutto il trasporto in Penisola. “L’Anas ha voluto questo intervento che ha prodotto più problemi di quanti ne avrebbe dovuti risolvere. Ora cerchi una soluzione, a partire dall’apertura, in condizioni di sicurezza, della strada di cantiere utilizzata per i lavori al depuratore di punta Gradelle. Si tratta di un’alternativa viaria esistente e utilizzabile in tempi brevi”. La riflessione di Flora Beneduce si fa più amara quando pensa alla dorsale sorrentina.
 

Scuola Vittorio Veneto, arriva il dissequestro definitivo

Sorrento - E' stato notificato stamani al Comune di Sorrento il provvedimento definitivo di dissequestro dell'edificio scolastico della Vittorio Veneto. Il documento, firmato dal pubblico ministero Silvio Pavia, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, segue gli interventi di messa in sicurezza della struttura. "Si chiude così una vicenda giudiziaria iniziata nel 2009 - spiega il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - Grazie all’impegno del nostro Ufficio Tecnico e ai lavori di consolidamento attuati, la magistratura ha disposto il dissequestro definitivo della Vittorio Veneto. Intanto, con la recente esclusione dal patto di stabilità delle spese sostenute per interventi di edilizia scolastica, stiamo procedendo spediti con le opere di adeguamento, così da portare a compimento, entro il più breve tempo possibile, la riapertura della scuola”.

Musica, arte e divertimento: la Marina Piccola torna a vivere nelle notti d'estate

Sorrento - Musica, arte e mare. Ieri sera a piazza Marinai d'Italia si è tenuto il primo appuntamento della rassegna “Notti con i viaggiatori nelle vele del tempo”, patrocinata dalla Regione Campania e dall’assessorato agli Eventi del Comune di Sorrento, nell’ambito del cartellone estivo “Notti per Caruso: il Mare dalle Notti d’Estete alle Notti d’Autunno” Giovani, turisti e tantissimi cittadini hanno affollato il borgo marinaro di Sorrento. La musica del giovane cantautore sorrentino, Marco Spiezia e della sua band, ha fatto il resto. Tutto esaurito nei locali e un via vai continuo di auto e motorini che mancava da tempo lungo la strada che conduce al porto di Marina Piccola. La rassegna ha lo scopo di rilanciare uno dei luoghi più affascinanti della città del Tasso, troppo spesso dimenticato: candele, lettini e la musica; il tutto dinanzi al Golfo di Napoli che fa da cornice. Molto apprezzata anche la mostra di fotografie storiche di Marina Piccola posizionate sul molo sorrentino. Per la prossima settimana il calendario degli eventi subirà una variazione, infatti, la serata è stata posticipata a lunedì per approfittare dello splendido spettacolo offerto dai fuochi d'artificio in occasione della festa di Marina Grande. Sedie e lettini in riva al mare con in sottofondo la musica dei "...e sona mò" la tribute band di Pino Daniele. "E' il secondo anno che realizziamo questa rassegna musicale a Marina Piccola. - commenta soddisfatto ed un po' emozionato l'assessore agli Eventi, Mario Gargiulo -. Ho sempre creduto nei giovani e nella loro voglia di mettersi in gioco. Li ho incoraggiati fin dall'anno scorso. E' una bella rassegna che unisce arte, musica e sociale e che sono convinto permetterà al porto di Sorrento di tornare a vivere anche le sere d'estate".

Massaquano. Parte oggi il torneo di calcetto a cinque. Direttore tecnico, Francesco Nardo


Il cielo in una stanza

Vico Equense - Video che documenta le attività del Centro Diurno "Il cielo in una stanza" a Via Madonnella.

 

S. Agnello. Ai Colli due straordinari eventi musicali

Peppe Servillo e i Solis Strig Quartet 
Sabato al Belvedere i Solis String Quartet con Peppe Servillo e domenica la "Camerata sorrentina" ne “ le Quattro stagioni” 

Sant’Agnello - Due angoli suggestivi del territorio comunale da riscoprire grazie alla musica: il Belvedere dei Colli e poco più avanti il “Pizzitiello” alla Malacoccola. Questo l’intento dell’amministrazione comunale che ha promosso due eventi di eccezionale valore artistico inserendoli in un contesto di rara bellezza ambientale. Il primo appuntamento è fissato per sabato prossimo 26 luglio, all’imbrunire. Nello splendido scenario offerto dal Belvedere si esibiranno i Solis Quartet con Peppe Servillo. Il nome dello spettacolo è “Spassiunatamente”. “Si tratta di un omaggio alla cultura e alla canzone classica napoletana – dice il Professor Luigi De Maio violinista dei Solis - l’inizio diun viaggio, senza limiti di tempo e di spazio che vede l’avvicendarsi di brani famosi con brani menoconosciuti e qualche volta dimenticatima non per questo minori. Proporremo brani dove l’arte e lo spessore di PeppeServillo si fondono con la maestria e la visione degli archi del Solis rendendo questo prodotto unico nel suo genere, e facendo si che attraverso una rilettura raffinata e popolare di un repertorio diclassici che vanno da Raffaele Viviani fino a Renato Carosone , si racconti una Napolinon oleografica bensi’ una città che è stata ed è a pieno titolo una autentica capitale culturaleeuropea”. Secondo incontro il giorno dopo, domenica 27 luglio. Nell’occasione “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi sarà proposta in uno degli angoli più incantevoli della Penisola Sorrentina, ai Colli di Fontanelle nei pressi della “Malecoccola, in località Pizzitiello, lungo la strada che porta al Sentieri degli Dei, al tramonto, dopo una passeggiata attraverso sentieri dai paesaggi mozzafiato che coinvolgeranno gli spettatori in un’estasi sensoriale di suoni, colori, profumi. Protagonisti della performance stavolta importanti artisti locali che hanno dato vita ad un gruppo denominato “Camerata Sorrentina”.

Week-end di passione...

A Vico Equense trovate un Sindaco che, con quaranta gradi all’ombra, fa il vigile sotto al ponte di Seiano… La notizia ha fatto il giro del web e dei quotidiani, e Gennaro Cinque si guadagna la prima pagina del Mattino. Nell’intervista rilasciata ad Antonino Siniscalchi dice: “Non è il momento di alimentare polemiche. La mole di traffico è rilevante, ma non solo per l’apertura della nuova galleria. Il problema è più evidente e va affrontato in maniera congiunta da enti ed istituzioni che operano sul territorio, senza isterismi o conclusioni affrettate”. Gennaro Cinque, 53 anni, sindaco di Vico Equense dal 2005, è in prima linea per affrontare, attenuare e risolvere l’emergenza traffico sulla Statale Sorrentina. Ieri mattina alle sette era già al bivio di marina d’Aequa per seguire da vicino i primi effetti della lunga scia di auto in arrivo in costiera. Una presenza costante, da un capo all’altro del paese, fino al tardo pomeriggio, quando si è fermato un attimo per un bilancio della domenica di caos e code e focalizzare già l’obiettivo sul prossimo weekend. Le polemiche sul traffico di questi giorni rischiano di far naufragare le ingenti risorse investite nella realizzazione della nuova infrastruttura. “La nuova galleria deve rappresentare la base di partenza per pianificare in maniera intelligente la viabilità sul territorio – commenta il primo cittadino di Vico Equense -. Bisogna rispolverare il progetto del proseguimento del tunnel fino a Meta. In questo momento, è facile quanto inutile condannare l’entrata in esercizio della struttura in rapporto ai disagi che stiamo affrontando in termini di rallentamenti e caos anche nel centro urbano. Insomma, non dobbiamo fasciarci la testa, ma dobbiamo sederci intorno a un tavolo e trovare soluzioni immediate ed efficaci per risolvere il problema di oggi, senza trascurare quelli che potrebbero venire in seguito”.

Proposta dell’opposizione: un concorso per la mobilità sostenibile in costiera

Sant’Agnello - Un concorso di idee sulla mobilità sostenibile in penisola sorrentina. È la proposta dei consiglieri comunali di minoranza Gian Michele Orlando, Pietro Gnarra e Antonino Coppola. Riservata a professionisti singoli oppure associati, l’iniziativa punta a trovare una soluzione al problema del traffico in penisola sorrentina. “Vogliamo una penisola piena di parcheggi e nuove strade o una penisola con poche auto, molti mezzi elettrici, un trasporto pubblico efficiente e strutture come ascensori, scale e tappeti mobili?”, chiedono i consiglieri del gruppo Liberi e uguali per Sant’Agnello. La proposta, destinata ad aprire un fronte di discussione, è già stata recapitata ai sindaci, agli assessori e a tutti i consiglieri dei sei Comuni della costiera sorrentina.

Il metano conquista la Costiera

Utilizzati i fondi UE e quote di Napoletanagas. Pronti al rush finale 

Fonte: Massimiliano D’Esposito da Il Mattino 

Sorrento - Centoquaranta chilometri di condotte già posizionate e quasi 7mila e 300 utenze allacciate. Sono solo alcuni dei dati che si riferiscono alla metanizzazione della penisola sorrentina. Un’opera imponente del costo totale di 27,7milioni di euro, sovvenzionata al 50 per cento da contributi europei e per l’altra metà grazie agli investimenti della Napoletanagas e dei Comuni costieri. L’intervento è partito nel 2007 con l’avvio dei lavori a Vico Equense. Ora ci si prepara al rush finale di un’impresa che punta a rivoluzionare le abitudini dei cittadini. Niente più bombole e serbatoi di gpl nelle abitazioni ed addio ai depositi di stoccaggio del gas. Il metano, se tutto procede come previsto, già entro la fine del prossimo anno arriverà in tutte le case, o quasi, senza problemi ed in assoluta sicurezza. La rete di distribuzione, infatti, sarà costantemente monitorata dalla centrale operativa. Ma vediamo nel dettaglio come avanzano le opere. A Vico Equense sono 50 i chilometri di condotte già posizionate, alle quali si aggiungono 1400 diramazioni stradali. Nel sottosuolo della villetta Paradiso di viale Filangieri è stato installato l’impianto di riduzione intermedia della pressione sormontato da una scultura in bronzo dell’artista Lello Esposito per limitare l’impatto ambientale. Sempre a Vico Equense l’attività per la stipula dei contratti di fornitura sarà avviata nei prossimi mesi. Per quanto riguarda Meta si contano 13 chilometri di condotte con 570 diramazioni. Completato anche l’attraversamento della linea della Circumvesuviana sulla galleria che sorge nei pressi della locale stazione.
 

domenica 20 luglio 2014

La via alternativa resta inutilizzabile

Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino

Vico Equense - Per attenuare l’emergenza viabilità al bivio di Seiano, obiettivo focalizzato sul completamento del viadotto del rivo d’Arco. La «strada fantasma» che attraversa il vallone è un’opera attualmente incompiuta, originariamente finanziata dal commissario straordinario per l'emergenza e destinata esclusivamente a servizio dell'impianto di depurazione di punta Gradelle. Doveva servire per il passaggio degli autocarri al fine di consentire il trasporto del materiale proveniente dai lavori di scavo ed evitare intralci al traffico. Tali attività sono oramai finite ed il viadotto non è stato ultimato. Ammonta a circa 300mila euro la spesa per completarlo. «Ho più volte affermato che con l’apertura del megatunnel il “tappo” si sarebbe spostato a Seiano – spiega Gennaro Cinque – ed è stato così, sono bastati tre giorni per dimostrarlo. Per risolvere il problema si potrebbe rendere percorribile la strada costruita sul rivo d’Arco». Si sperava che l’apertura della variante alla statale sorrentina potesse essere la svolta per risolvere definitivamente il problema traffico in penisola. Ma così non è stato e adesso si cercano nuove soluzioni, come l’apertura di una rampa di strada. A motivare il no degli ambientalisti sono ragioni ben precise. «La strada non potrà mai servire al pubblico transito – spiega Franco Cuomo, coordinatore territoriale dei Vas – perché non rispetta i parametri previsti dalla legge relativa alla mobilità su gomma. Non ha i requisiti per essere utilizzata neanche a senso unico, per la larghezza, per le pendenze e per mancanza di marciapiedi, piazzole di sicurezza e di svincolo. Il sindaco non è un esperto in urbanistica e, pertanto, non ha la competenza per poter fare certe affermazioni. Se anche il progetto fosse approvato, questo non richiederebbe un semplice allargamento della strada ma un rifacimento ex novo della struttura». A pensarla allo stesso modo sono anche i consiglieri comunali di In movimento per Vico. «Il Comune di Vico Equense ha accettato il viadotto – hanno affermato i consiglieri di In movimento per Vico - nel convincimento di poterlo utilizzare quale strada pubblica alternativa alla statale 145 ma non è così. La strada è giuridicamente e tecnicamente inutilizzabile».

Al via la seconda edizione del concorso fotografico La foto dell'anno

Meta - Il mare come fonte di lavoro e come elemento ineliminabile della cultura sorrentina e italiana: è il filo conduttore della seconda edizione del concorso fotografico La foto dell'anno, promosso dall’associazione nazionale Gente di Mare in collaborazione con Marnavi. La partecipazione al concorso è gratuita ed aperta a tutti coloro che abbiano compiuto il 18esimo anno d’età al momento dell’iscrizione, anche di nazionalità non italiana. Solo per i marittimi, la partecipazione è subordinata all’iscrizione all’associazione Gente di Mare. Le fotografie devono riguardare il lavoro per mare ed essere rigorosamente inedite. Non possono essere proposte fotografie già presentate in occasione di precedenti ed ulteriori concorsi né quelle eventualmente già pubblicate sul web, pena l’esclusione. I file contenenti le fotografie possono avere formato JPEG, PNG e GIF. Le fotografie possono essere inviate all’indirizzo di posta elettronica mailto: associazionegentedimare@gmail.com, mediante una mail contenente nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico del concorrente che la invia. Chi volesse presentare materiale fotografico su supporto cartaceo, può farlo recapitandolo in busta chiusa all’indirizzo della Casina dei Capitani di Meta, sede dell’associazione Gente di Mare: via Municipio, 11 – 80062 Meta (Na). Infine, è possibile candidare le fotografie consegnandole ai componenti del direttivo dell’associazione Gente di Mare o, in alternativa, ai custodi della Casina dei Capitani. Le foto dovranno pervenire all’associazione entro e non oltre il 30 ottobre 2014. A decretare i vincitori sarà una giuria composta da marittimi, storici e ambientalisti.
 

Statale 145, domenica d'inferno a Seiano: il sindaco di Vico Equense dirige il traffico

Vico Equense - L'apertura della nuova super galleria della Statale sorrentina 145 tra Vico Equense e Castellammare di Stabia fa subito flop. A Seiano, lunghe code e traffico infernale: code chilometriche verso i lidi, carovane di auto e scooter e ennesima emergenza per la viabilità. Ecco perché Gennaro Cinque, sindaco di Vico Equense, da stamane alle 7 è sul posto - all'incrocio di Seiano - per collaborare con gli ausiliari del traffico e gli addetti dell'Anas che stanno provando a limitare i danni di un dispositivo che sta facendo acqua da tutte le parti. Il problema è semplice: imbuto a Seiano, subito dopo l'uscita della galleria, in direzione Sorrento. Auto e scooter che sbucano da Castellammare di Stabia si incrociano con i veicoli diretti alla Marina di Seiano e ne nasce un ingorgo insostenibile.Cinque si è anche improvvisato vigile dirigendo il traffico. "Siamo esausti, così non si può andare avanti. E' fondamentale che venga reso carrabile la pista di cantiere del depuratore di Punta Gradelle". (Fonte: Salvatore Dare da Metropolis)