domenica 21 dicembre 2014

Fermi per marijuana e cocaina in penisola sorrentina

Penisola sorrentina - Controlli dei carabinieri della compagnia di Sorrento in penisola sorrentina. Denunciato in stato di libertà un 20enne di Piano di Sorrento trovato in possesso di 20 grammi di marijuana e un 16enne di Massa Lubrense sorpreso alla guida di un motociclo 125 senza aver conseguito la patente. 10 giovani sono stati inoltre trovati in possesso di modiche quantità di marijuana e cocaina detenute per uso personale, venendo segnalati al prefetto. Un 51enne pregiudicato di Portici è stato notato aggirarsi con fare sospetto per i comuni di Meta e Piano di Sorrento ed è stato allontanato con la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio. I controlli hanno riguardato 77 veicoli e hanno portato al sequestro amministrativo di un autoveicolo messo in circolazione sprovvisto di copertura assicurativa e al ritiro di 2 patenti di guida a conducenti di motocicli segnalati quali assuntori di stupefacenti.

Elefante: “io non ho affatto bisogno della politica per dimostrare quanto valgo”

Antonio Elefante
Vico Equense - C'è chi studia per diventare Sindaco e chi non studia per niente, come l’assessore ai lavori pubblici Antonio Elefante, che in un’intervista rilasciata a Positano news, ha cosi risposto a chi gli chiedeva se fosse sua intenzione candidarsi. “In questo paese – risponde Elefante - vi è uno sport preferito che si chiama denigrazione. All’esercizio di questa attività sportiva sono dediti molti fannulloni e sopratutti molti irrealizzati nella vita e che credono che l’accrescimento del proprio livello sociale o del proprio livello di considerazione nei confronti degli altri consista nella denigrazione gratuita altrui. Io sono sistematicamente oggetto di denigrazione nonostante nella mia vita abbia dato dimostrazione di essere una persona creativa e concreta e per aver realizzato in penisola sorrentina le opere più importanti e significative degli ultimi 30 anni. L’impegno in politica è una cosa molto seria e, a parte la denigrazione, esiste anche una buona parte di persone intelligenti che la pensano positivamente e diversamente nei miei confronti e che vorrebbero che io mi prestassi direttamente. Cosa che non accadrà perché io non cederò cosi facilmente a tale lusinga; diversamente da altri che credono che con la politica si possa accrescere il loro livello sociale, io non ho affatto bisogno della politica per dimostrare quanto valgo o per realizzare le mie idee : credo all’inverso che la politica si debba servire delle persone che, come me, hanno le idee chiarissime e che sanno come realizzare le cose per il paese, senza divenire ostaggio dei dirigenti”, conclude l’assessore di Vico Equense.

Mi si nota di più se non compaio…

Andrea Buonocore
Vico Equense - Andrea Buonocore starebbe da tempo lavorando a una sua candidatura a Sindaco alle prossime elezioni comunali. Tanto vero che se n'è occupato pure Agorà, in edicola questa settimana. A memoria di cronista politico nessuno ricorda un intervento pubblico di Buonocore, una dichiarazione che sia una, un comunicato stampa. Il consigliere di maggioranza, eletto con Colline Vicane ha declinato il motto morettiano con un insolito e definitivo “mi si nota di più se non compaio”. Proprio ieri parlavo con un consigliere comunale di centro sinistra, che è stato avvicinato da Buonocore con l’intento di mettere su qualche pensata per il dopo Cinque. Invece gli è stato risposto picche. La motivazione? Chi ha sostenuto Gennaro Cinque non può costruire nulla con noi. In condizioni politiche «regolari», sarebbe divenuto lui il nuovo presidente dell’assise cittadina. Invece è stato battuto sul filo di lana da uno che era stato eletto al fianco del sindaco salvo poi essere ripudiato dopo pochi mesi a causa di diatribe interne. Andrea Buonocore, sempre allineato alle posizioni del primo cittadino, è considerato il più accreditato a occupare il posto di Gennaro Cinque, anche se sconta un passato di partecipazione attiva nel centro sinistra. Alle ultime elezioni europee, Buonocore ha sostenuto esplicitamente un candidato del Pd. Ha militato a lungo nei democratici, provenendo dal PPI, prima della conversione al “gennarismo” ed ha conservato contati e relazioni, anche di vertice, nell’entourage di chi conta. E’ bene ricordare, altresì, che in occasione delle primarie del Pd, a Vico gli fu impedito di votare.

Natale 2014 a Vico Equense

Auguri a tutti per Natale

Cari concittadini di S.Agnello e della Penisola sorrentina

di Piergiorgio Sagristani, sindaco di Sant'Agnello

Vi scrivo per augurare a tutti Buone feste ed un felice Anno Nuovo. Natale è un tempo che ci aiuta a riscoprirei valori e le ragioni del nostro stare insieme, dell’essere una comunità consapevole. Penso allafamiglia, alla solidarietà, al senso di appartenenza civico. Valori tutti profondamente radicati nei nostri territori e di cui si fanno interpreti in tanti: associazioni, parrocchie, comitati, movimenti, singoli cittadini che cercano, ciascuno nel proprio ambito, di realizzare l’obiettivo del Bene Comune. A loro va il mio sentito grazie per lo straordinario spirito di abnegazione di cui hanno dato prova nel corso dell’anno e l’invito a continuare lungo questa strada. Costoro rappresentano la ricchezza e la forza della nostra terra. L’esempio che ci rende fieri di appartenere ai nostri Comuni.Chi, come me, ha la responsabilità di amministrare la Cosa Pubblica ha il dovere di far crescere e valorizzare questi fermenti positivi in un’ottica di coinvolgimento responsabile e di partecipazione diffusa. Nell’anno che sta per finire l’Amministrazione comunale ha confermato il proprio impegnoa favore delle persone che, a causa della crisi economica, vivono un periodo di particolare difficoltà. Risorse pubbliche ed elargizioni private sono state utilizzate per dare sostegno a chi ne ha bisogno in modo concreto, per alimentare la fiducia e combattere la disperazione. Migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini con servizi e strutture adeguati è un altro imperativo che, come amministrazione comunale, abbiamo seguito. L’inaugurazione del centro polifunzionale dell’MSC in Via Crawford è l’esempio concreto di una sana sinergia tra pubblico e privato. Una struttura di rara bellezza, con servizi di eccellenza, realizzata dal privato ed utilizzata a titolo gratuito dai residenti.
 

sabato 20 dicembre 2014

Estrazione "Concorso Christmas 2014 - Imbuca il coupon"

Piano di Sorrento - Si ricorda che domenica 21 dicembre alle ore 21.00 si terrà l’estrazione dei coupon vincenti partecipanti al Concorso “Christmas 2014 - Imbuca il coupon” indetto dall’Associazione Commercianti (ASCOM), dall’Associazione Turistica Pro Loco e dal Centro Commerciale Naturale di Piano di Sorrento dall’1 al 21 dicembre 2014 nei negozi di Piano di Sorrento aderenti all’iniziativa. L’estrazione avrà luogo, in seduta pubblica e alla presenza di un funzionario del Comune di Piano di Sorrento, presso la sede ASCOM (all’interno del passaggio pedonale che collega il Corso Italia con il parcheggio Cavottole). Come da regolamento, «verranno estratti i vincitori in ordine decrescente (dal 16° premio al 1° premio). Saranno ritenuti validi tutti i coupon consegnati entro le ore 20.30 del 21/12/2014. Non saranno ritenute valide le schede incomplete o illeggibili. I vincitori saranno contattati dall’organizzazione tramite i dati forniti sul coupon».

Sorrento. Incontro pubblico per la presentazione del Piano di Emergenza Comunale

Giuseppe Stinga
Sorrento - Lunedì 22 dicembre, alle ore 16, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, verrà presentato alla cittadinanza il Pec, Piano di Emergenza Comunale. Lo strumento contiene l'insieme delle misure da adottare in caso di eventi naturali o connessi all'attività dell'uomo, che comportino rischi per la pubblica incolumità. Definisce inoltre i ruoli delle strutture comunali preposte alla Protezione Civile per le necessarie azioni di soccorso, ma anche quelle legate alla previsione, prevenzione e primo contrasto degli eventi calamitosi così da tutelare la vita dei cittadini, ma anche l’ambiente e la proprietà pubblica e privata. I contenuti del Pec verranno illustrati dagli estensori del documento, i geologi Ugo Ugati e Francesco Cucurullo. Alla conferenza interverranno il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, il vice sindaco Giuseppe Stinga, il dirigente del servizio Protezione Civile, Antonio Marcia, l’emergency manager Agostino Celentano, il presidente nazionale dell’associazione Disaster Managers, Sergio Achille, e il responsabile della sala operativa regionale della Protezione Civile Vincenzo Cincini. “Con l’approvazione del Pec - commenta Giuseppe Stinga - il Comune di Sorrento si è dotato di uno strumento che accresce la sicurezza della nostra comunità, e consente ai volontari del nucleo di protezione civile, a cui va la nostra gratitudine, di poter operare con efficienza e in piena autonomia. La prevenzione e la gestione delle emergenze sono due aspetti che vanno tenuti in massima considerazione, e che richiedono il pieno coinvolgimento della cittadinanza. Rivolgo pertanto l’invito a partecipare a qusta conferenza in cui verra fatto il punto sulle azioni messe in campo dall’amministrazione comunale sul fronte della sicurezza”.

Razzullo e Sarchiapone sott’ ‘o tendone

“La cantata dei pastori” di Andrea Perrucci

Napoli - Dal 23 dicembre 2014 fino all’11 Gennaio 2015 va in scena al Teatro Instabile Napoli, Vico Fico Purgatorio ad Arco 38, “Razzullo e Sarchiapone sott’ ‘o tendone” rivisitazione circense della tradizionale “Cantata dei pastori” di Andrea Perrucci, spettacolo ideato e diretto da Michele Del Grosso in collaborazione con l’Accademia Vesuviana del Teatro di Gianni Sallustro. La “cantata” incentrata sulla nascita del bambino divino diventa metafora della condizione dei teatranti alla continua ricerca di un luogo dove “partorire” lo spettacolo. In altri termini il progetto vuole dare vita ad una “Cantata dei pastori” laica che, partendo dalla tradizione arriva alle diverse sperimentazioni del nostro tempo in cui la commistione dei diversi generi teatrali, da quelli aulici come l’opera buffa e il dramma sacro e fino alle forme più marcatamente popolari come la commedia dell’arte,l’opera dei pupi fino ai codici del teatro circense, vengano fusi in un’unica cifra stilistica. Uno spettacolo che diventa occasione e pretesto per rievocare quelle stesse modalità rappresentative e di interazione del pubblico come mirabilmente ci hanno tramandato Raffaele Viviani, Roberto De Simone e Annibale Ruccello. La compagnia è composta da 21 elementi tra attori , cantanti , acrobati e musicisti. In scena Gianni Sallustro (Razzullo), Nicla Tirozzi (Sarchiapone), Gianluca Cangiano (Belfegor) e poi i giovani attori dell’Accademia Vesuviana del Teatro: Ester Nisi, Anna Ammaturo, Gennaro Lazzari, Tommaso Sepe, Lilly Ammirati, Nunzia Ambrosio, Alessandro Todisco, Assunta La Marca, Francesco Fruccio, Ivan Cozzolino, Sara Tenore e Gianni Annunziata.

Notti bianche a Castellammare di Stabia tra specialità ittiche e canti natalizi

Castellammare di Stabia - La tradizione stabiese, dai canti dell’Immacolata alla banda di San Catello, Santo Patrono Stabiese, rivivranno al centro AdHoc Stabia di Castellammare di Stabia, con le Notti bianche. La kermesse è in programma il 23 e 30 dicembre, dalle ore 20.00 alle ore 2.00, negli spazi AdHoc Stabia, aperti per l’occasione l’intera notte ricreando l’atmosfera del tradizionale mercato ittico dell’area torrese-stabiese, abbinando degustazioni di tipicità locali e canti della tradizione natalizia. L’edizione 2014 delle Notti bianche AdHoc Stabia prevede quest’anno: il 23 concerto Gospel con degustazione della vera pizza napoletana e delle zeppole dolci fritte, da sempre un simbolo del Natale a tavola in Penisola Sorrentina. Il 30 dicembre si cambia musica. Infatti si passerà alla musica classica, ricordando i festeggiamenti dell’Immacolata stabiese, una tradizione secolare che vede la città per 13 notti sveglia all’alba dal richiamo di “Fratiell ‘e Surell” per poi radunarsi a pregare, fino alla sera della vigilia dell’Immacolata, in cui i quartieri di Castellammare di Stabia e l’arenile pubblico vengono illuminati da falò che richiamano l’antica leggenda di pescatori dispersi in una tempesta e indirizzati in mare dalle luce della Madonna fino alla spiaggia di Castellammare, dove in piena notte accesero falò per riscaldarsi richiamando la città in spiaggia per raccontare l’accaduto e pregare la Vergine come ringraziamento.
 

Primitivamente

Giancarlo Giannini ad Acerra per presentare il documentario di Giuseppe Alessio Nuzzo: «Rivalutiamo questa città e la maschera di Pulcinella» 

Acerra - Un documentario per parlare di Acerra, al di là dei preconcetti legati alla Terra dei Fuochi, questo l'obietto di “Primitivamente”, opera del regista Giuseppe Alessio Nuzzo presentata in anteprima assoluta dl Cinema Teatro Italia di Acerra. La struttura, che ha da pochi giorni riaperto i battenti, ha registrato il sold out di spettatori per la prima del documentario, che ha visto anche la partecipazione del candidato Premio Oscar Giancarlo Giannini. L'attore, voce narrante del viaggio attraverso le risorse e le tradizioni culturali e culinarie della cittadina in provincia di Napoli, è salito sul palco per raccontare come è nato questo progetto insieme al regista Nuzzo e ha voluto svelare il suo legame con la maschera di Pulcinella: «Ho studiato e lavorato a Napoli e conosco bene il suo patrimonio culturale, ma non sapevo che Pulcinella fosse acerrana. A questa maschera sono molto affezionato perché quando ho fatto Pasqualino Settebellezze ho immaginato un Pulcinella in un campo di concentramento e ci ha valso 4 candidature agli Oscar» - ha poi proseguito - «Acerra è piena di risorse ed è necessario rivalutarle, al di là degli appellativi brutti, che in certi casi si rivelano anche falsi». In conclusione di intervista Giannini è stato premiato con il Premio Pulcinella, simbolo della città di Acerra, e omaggiato di una scultura opera del maestro d'arte Domenico Sepe.
 

Vico Equense - Piazza Marconi, inaugurato il Villaggio del Natale

Inaugurato il Villaggio del Natale

Vico Equense - Inaugurato ieri il Villaggio del Natale con la presentazione delle nuove casette, in piazza Marconi. La vetrina di animazione, attività ludiche, spettacoli e burattini rimarrà aperta fino al 25 dicembre (ogni giorno dalle 16 alle 20) con l’evento «La magia del Natale», curato dalla Flying Events, in collaborazione con l’associazione dei commercianti Acove e l’amministrazione comunale. Il Villaggio del Natale, costituito da piccole casette di legno, dentro le quali si stimolerà la partecipazione dei bambini tramite un intrattenimento curato da elfi-animatori, che organizzeranno numerosi giochi e laboratori. In questa magica location, la fantasia e l'immaginazione dei più piccini saranno stimolate da allestimenti a tema per ogni singola casetta (camera di babbo natale, camera delle fiabe, posta dei desideri, cucina degli elfi golosoni). Piazza Marconi, dunque, diventerà un punto di ritrovo per grandi e bambini, che potranno fruire insieme di tutta una serie di diversi spettacoli, che si succederanno di volta in volta. Sempre ieri, dopo l’inaugurazione del villaggio, la Città di Vico Equense è stata inebriata dal profumo dei fiori della compagnia “La Baracca dei Buffoni”. Nata nel 1998 da una costola di un gruppo di teatro, musica e danza con l’obiettivo di promuovere e diffondere le arti negli spazi urbani. Un teatro che ha come tetto il cielo, personaggi unici e surreali, la poetica dell’artificio e della finzione. Una pratica teatrale giocosa e coinvolgente che ha reso il pubblico protagonista di un sogno.

E’ in distribuzione il calendario 2015 del Wwf Penisola sorrentina

Penisola sorrentina - Quest’anno il WWF Penisola Sorrentina lo dedica agli uccelli... “amabili creature alate del nostro mondo, capaci di emettere canti melodiosi o di veleggiare silenziosi, in alto sopra la terra, respirando l'aria pura e fresca della libertà. Essi sono nati liberi. E a vederli volare liberi ti si riempie il cuore di gioia. Nessuno dovrebbe avere l’arroganza e la stupidità di ucciderli o imprigionarli.” Con le stupende immagini del Calendario WWF Penisola Sorrentina 2015, catturate dal fotografo Rino Di Noto, sarà possibile passare un intero anno in compagnia di alcuni dei più comuni rappresentanti del mondo dell’avifauna che si possono scorgere nelle campagne ed in città, tra gli alberi e le grondaie, nei fiumi, nei prati ed anche sui nostri balconi e davanzali. In copertina al calendario appare una cinciarella, piccolo e agile uccello, vorace insettivoro, facile da attrarre nei nostri giardini in inverno offrendogli del cibo in apposite mangiatoie oppure, in primavera, allocando cassette artificiali per la nidificazione. “Gli abitanti alati della nostra penisola sono davvero tanti – racconta Claudio d’Esposito - spesso è possibile osservarli alzando gli occhi al cielo quando ritualmente, ogni anno, la Terra delle Sirene è attraversata dal passo dell’avifauna migratoria, che ha scelto da sempre la nostra penisola come rotta strategica nei lunghi viaggi, di andata e ritorno, da nord a sud. Ma ad attenderli sulle nostre colline, purtroppo, assieme agli appassionati naturalisti ed ornitologi sono spesso i bracconieri, che non esitano a sparare a vista, in barba ad ogni legge e allo stesso buon senso, disseminando le montagne, i fondi agricoli e le zone più impervie, di richiami, trappole, tagliole e reti da posta issate su alti pali, invisibili al passaggio dei volatili che ne restano impigliati. Un modo oltre che illegale barbaro e crudele di catturare gli uccelli. Il bracconaggio non è solo una piaga e una seria minaccia per la nostra fauna ma è anche un reato punito dalla legge.
 

Rotary Club, questa sera concerto di fine anno con Noa e i Solis String Quartet

Noa
Sorrento - Musica e solidarietà saranno ancora una volta protagoniste del concerto di fine anno promosso dal Rotary Club di Sorrento col patrocinio del Comune. Protagonisti della ventesima edizione saranno Noa e i Solis String Quartet. Questa sera alle 20 e 30, nella sala delle Sirene dell’Hilton Sorrento Palace, la cantante israeliana renderà omaggio alla canzone napoletana con il progetto «Noapolis»: quattordici brani che hanno fatto la storia della musica nostrana, da «Torna a Surriento» a «Tammuriata nera» passando per «Je te vurria vasà» ed «Era De Maggio». I proventi del concerto finanzieranno le prossime iniziative benefiche e culturali del club rotariano di Sorrento. Dal 1995 a oggi, la kermesse è diventata un appuntamento irrinunciabile del cartellone di eventi natalizi di Sorrento proprio per il connubio tra musica d’autore e solidarietà: un mix capace di attirare l’attenzione di migliaia tra residenti e vacanzieri. A tenere a battesimo la prima edizione, il 28 dicembre del 1995, fu la Nuova Orchestra Scarlatti, seguita poi da altre formazioni di fama nazionale e mondiale: a cominciare dai Filarmonici dell’Accademia musicale di Santa Cecilia di Roma per finire con la Kiev National Simphony Orchestra e con la Banda musicale dei carabinieri, senza dimenticare le orchestre delle televisioni di Stato di Budapest, Mosca e San Pietroburgo.
 

venerdì 19 dicembre 2014

Via Antignano, va fuoco un deposito di paglia

Vico Equense - Incendio in un locale adibito a deposito di paglia. Le fiamme hanno interessato soltanto un'area della struttura articolata su due livelli, la parte rimanente della stalla, adibita a uso deposito, risulta integra. Dopo un sopralluogo della protezione civile e dei vigili urbani, l’area oggetto dell’incendio è stata interdetta. L’allarme è scattato in via Antignano, martedì 16 dicembre. Sul posto sono quindi intervenuti i mezzi dei vigili del fuoco di Napoli e Piano di Sorrento, volontari del Faito, l’ufficio protezione civile di Vico Equense e il Sindaco Gennaro Cinque, che ha coordinato i primi interventi. Nel giro di breve tempo i pompieri hanno domato le fiamme. Non ci sono né feriti, né intossicati. Al momento non si conoscono le cause. L’immobile in oggetto è un locale a uso stalla di circa 500 metri quadrati, l’incendio si è sviluppato soltanto nella parte adibita a deposito di paglia, si tratta di circa 150 metri quadrati.

Città Metropolitana, lavoratori della provincia occupano palazzo Matteotti. La solidarietà di Pentangelo

Provincia di Napoli - I dipendenti della Provincia di Napoli da questa mattina stanno occupando i locali di palazzo Matteotti per protestare contro la riduzione del 30% della dotazione organica prevista nella legge di stabilità in discussione al Senato per le nascenti città Metropolitane. I dati in possesso delle organizzazioni sindacali parlano di oltre 400 lavoratori che vedrebbero a rischio il loro posto di lavoro se dovesse essere confermato nel maxi emendamento proposto dal Governo quanto discusso in commissione che prevede il drastico ridimensionamento degli organici. “Non posso che esprimere in queste ore la mia sentita solidarietà ai dipendenti della Provincia di Napoli” – ha affermato il presidente Antonio Pentangelo che ha poi aggiunto: “Negli anni in cui ho guidato l’Amministrazione mi sono confrontato con dirigenti e dipendenti che hanno sempre mostrato un’alta professionalità. Questa ricchezza di esperienze oggi sono messe pesantemente a rischio solo apparentemente per legittimi motivi di bilancio delle Regioni o dei diversi enti locali. In realtà tutto ciò che sta accadendo è figlio di una strategia dell’attuale governo che tende a penalizzare in modo forsennato tutto il sistema amministrativo periferico”. “La politica, ma specialmente l’opinione pubblica deve capire e ricordare che tutti i dipendenti sono un patrimonio dello Stato, che li ha formati e utilizzati per ottimizzare i servizi che offre. Perderli, o anche solo penalizzarli, significa sprecare risorse umane che sono un bene primario ed indispensabile per il rilancio del Paese”.

Sanità, Marciano (PD): fare chiarezza su vicenda giovane migrante deceduta. Presentata interrogazione urgente

Regione Campania - “Ho presentato oggi un’interrogazione urgente per chiedere al Presidente Caldoro di fare chiarezza su quanto è accaduto all’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. Le notizie riportate sulla stampa dipingono un quadro parziale della gravità dell’accaduto. Fonti interne all’ospedale ricostruiscono diversamente la vicenda: la donna, che lamentava dolore al fianco, sarebbe stata accolta con assegnazione di gravità media e fatta accomodare in box area critica, ma dopo circa 50 minuti di attesa sarebbe andata via”. Così in una nota il vicecapogruppo regionale del PD Antonio Marciano. “Questo periodo di attesa deriverebbe, sempre secondo quanto trapela dall’Ospedale, dalla difficoltà nella gestione dei casi di pronto soccorso: in quei momenti, infatti, tutto il personale medico era impegnato in attività assistenziale in box dedicati a pazienti non gravi. È assurdo che nei 50 minuti di attesa nessun medico del Pronto Soccorso sia stato informato della presenza della donna in un box per situazioni critiche, continuando le visite a pazienti meno gravi”, prosegue il consigliere. “Quanto accaduto pone interrogativi seri sullo stato della Sanità nella nostra Regione. Mi auguro che si faccia prima possibile chiarezza su quanto successo”, conclude Marciano.

Campania, Marciano (PD): Interventi per morosità incolpevole in Comuni zona rossa vesuviana

Regione Campania - “Accelerare il processo di revisione dell’elenco dei Comuni ad alta tensione abitativa, avviato dal Cipe lo scorso anno e ancora in fase preliminare”, e soprattutto “seguire l’esempio di altre Regioni d’Italia, a cominciare da Lombardia e Toscana, che hanno appostato specifiche risorse per gli inquilini morosi ‘incolpevoli’, allargando le possibilità di accesso ai fondi anche ai Comuni dell’area vesuviana”. Sono le richieste avanzate dal vicecapogruppo regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano, in una lettera all’Assessore regionale all’Urbanistica, Ermanno Russo, sollecitando “interventi da destinare a cittadini in situazioni di grave disagio economico per far fronte, in particolare, al fenomeno della ‘morosità incolpevole’, dovuta a cause accidentali e contingenti, legate spesso all’acuirsi della crisi economica”. Nella missiva, il consigliere democrat spiega che “al fondo nazionale istituito dal Governo per la morosità incolpevole possono accedere solo i Comuni compresi nell’elenco di quelli definiti ‘ad alta tensione abitativa’. In Campania, però, da questo novero sono esclusi alcuni Comuni della zona rossa vesuviana, tra cui Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata e Boscoreale, nei quali è elevato il numero di sfratti e di situazioni di difficoltà”.
 

Il progetto fACTory continua, preparando le vacanze di Natale

Vico Equense - Dopo le esperienze al “ Bar del Sole” prima e alla “Villa” poi, il gruppo riparte con la doppietta di fine dicembre. Il 24 dopo la mezzanotte sarà al Cherry light. Le novità sono sempre la parola d’ordine del gruppo, che ha affidato l’intrattenimento ai TRHEE NOTES, che offriranno un grande spettacolo piano bar. Pausa brevissima e poi si riprende con il oveglione di capodanno appuntamento al Murphy’s law, corso Caulino 77 (Seiano), dove l’atmosfera sarà accesa dal dj set di Vito Erre , fino all’alba. Il format scelto da fACTory è sempre quello del divertimento sano ed economico, paghi solo quello che consumi con ingresso libero. “Ci stiamo impegnando molto e da tempo – dicono i componenti del gruppo -, per offrire un’alternativa valida alle serate di cartello costose e ripetitive, noi vogliamo stare con gli amici e divertirci in modo sano. Vi aspettiamo per scambiarci gli auguri a presto”.

La magia del Natale. Ore 16 in Piazza Marconi inaugurazione del Villaggio di Babbo Natale

Vico Equense - Tra le iniziative pensate per i più piccoli, da oggi pomeriggio fino al 25 dicembre, in piazza Marconi, apre i battenti il villaggio di Babbo Natale, organizzato dall'Acove, associazione commercianti vicani, in collaborazione con l'associazione Flying Events. Casette in legno faranno da sfondo ad attività ludiche sotto la guida di elfi-animatori mentre spettacoli di strada movimenteranno il centro cittadino. Si parte oggi alle 16.00 con l’inaugurazione del villaggio seguirà, poi, lo spettacolo dei “Fiori profumati”.

Calendario eventi

Sabato 20 Dicembre • dalle 16.00 alle 20.00 Le “petit circus” Spettacoli di arte di strada • Animazione
Domenica 21 Dicembre • dalle 10.00 alle 13.00 Corteo Musicale “È Natale” • Animazione dalle 16.00 alle 20.00 Spettacolo di Danza Aerea • Animazione
Lunedi 22 Dicembre • dalle 16.00 alle 20.00 Spettacolo di Burattini Mercurio • Animazione
Martedi 23 Dicembre • dalle 16.00 alle 20.00 Esibizione Coro Gospel • Animazione
Mercoledi 24 Dicembre • dalle 16.00 alle 20.00 Corteo “Ombrellini Bianchi” • Animazione
Giovedi 25 Dicembre • dalle 16.00 alle 20.00 La Caramellata Elfi • Animazione

Il presepe napoletano nel cuore di Sorrento: in 15mila per “Maestri in Mostra”

Sorrento - Sono circa quindicimila i visitatori della quinta edizione di "Maestri in mostra", l’esposizione d’arte dedicata al presepe napoletano allestita in piazza Veniero. Un appuntamento con la tradizione che si sta rivelando un vero successo: in una Sorrento luccicante per il Natale, tra luci e addobbi, la rassegna dedicata ai maestri presepiali si sta ritagliando un ruolo importante. Gli oltre 15mila visitatori di questi primi dieci giorni di esposizione sono la dimostrazione del fascino intramontabile dell’antica cultura presepiale. Il successo dell’appuntamento, organizzato dalla Fondazione Sorrento, è apparso subito evidente: le oltre 1500 persone presenti nel giorno dell’inaugurazione avevano fatto intuire che quest’anno si sarebbero superati tutti i record di presenze. E le conferme sono arrivate puntuali nei giorni successivi: basti pensare che nel primo fine settimana di esposizione i visitatori sono stati circa seimila. L’esposizione, inoltre, è già stata visitata da diverse scuole provenienti da tutta la Provincia di Napoli. Ma tantissimi sono stati anche i cittadini e gli ospiti della città che non hanno voluto perdere il tradizionale appuntamento natalizio. I commenti raccolti sul guestbook, posizionato all’uscita della mostra, sono unanimi: “Il presepe rappresenta la magia del Natale. Una splendida tradizione che è sempre bella da ammirare”.
 

Vico Equense, il vice sindaco Benedetto Migliaccio e la ruralità (Sorrento ChannelTv)

Election day a maggio

Gennaro Cinque
Gennaro Cinque prende tempo 

Vico Equense - Si voterà a metà maggio e non a fine marzo. Ad allungare la legislatura è stato un emendamento alla legge di stabilità approvato ieri in commissione bilancio del Senato che fissa un election day per regionali ed amministrative. Sarà successivamente il Consiglio dei Ministri a indicare la data certa, ma orietativamente, considerato che per i comuni è previsto il ballottaggio si dovrebbe andare alle urne o il 17 o il 24 maggio. La campagna elettorale, iniziata già da settimane, si allunga di altri quaranta giorni per cui ci sarà più tempo per sciogliere i nodi sul tappeto. A partire dalle candidature. Tra le amministrazioni della penisola sorrentina non c’è l’intesa per trovare il nome giusto da piazzare in una lista in campo per le prossime elezioni Regionali e su cui far convergere voti e interessi. Gennaro Cinque, primo cittadino di Vico Equense ha capito al volo che, al momento, non ci sono margini di manovra per lavorare a braccetto con le altre amministrazioni e sta riflettendo sull’ipotesi di gettarsi nella mischia. Cinque è storicamente un fedelissimo di Forza Italia, anche se all’orizzonte si profila la possibilità secondo cui il Nuovo Centro Destra possa offrirgli un posto in squadra. Gennaro Cinque che è al secondo mandato di Sindaco e non potrà ricandidarsi alle comunali del 2016, getta acqua sul fuoco. E prende tempo: «Candidarmi alle elezioni Regionali? Al momento sono solamente rumors. Nulla di fatto». Insomma, calma e sangue freddo. Perché l’addio alla fascia tricolore porterebbe il Comune di Vico Equense ad elezioni anticipate, con l'attuale Giunta che dovrebbe finire entro la fine di febbraio 2015.

Quella bandiera lacerata

Vico Equense - La bandiera della Città di Vico Equense, fissata sul pennone del vecchio Municipio, è ormai ridotta ad uno straccio. Un poco edificante biglietto da visita, per turisti e cittadini. Claudia Scaramellino, consigliere comunale di IN Movimento per Vico, ha già segnalato il problema. “Sono tornata a Vico, - commenta il consigliere Scaramellino - dopo nove giorni di assenza per motivi scolastici, e ho visto la Città tutta illuminata per il Natale. Tuttavia dal balcone del Municipio, tra le luci delle luminarie, sventola ancora una bandiera tricolore, ridotta a uno straccio sfilacciato e a pezzi. Ne denunciai la vergognosa condizione ai primi del mese...Non ci fa onore esporre il nostro tricolore ridotto a straccio dalle intemperie, anzi mortifica la nostra comunità di gente civile e operosa, ancora orgogliosa delle radici del nostro popolo e dei nostri Padri. I vicani, i cui nomi sono esposti nel viale della Rimembranza, a quella bandiera che ci rappresenta, diedero la loro giovane vita!”, conclude il consigliere di opposizione. Di media un tricolore misura un metro per un metro e mezzo e costa dai 30 agli 80 euro. Dal ’98 una legge detta le disposizioni sull’uso delle bandiere (sia italiana sia europea) e che dal 7 aprile 2000 è in vigore un decreto del presidente della Repubblica sul comportamento degli enti pubblici in questa specifica materia. Ma ho l’impressione che siano parole al vento…Il ritornello è sempre lo stesso: non ci sono soldi. Già. Ma allora la dignità della nostra Città dove va a finire?

Sorrento. Addio ai fannulloni. Crollano le assenze a lavoro dei dipendenti comunali. Già 500 in meno rispetto al 2013

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis

Sorrento - Sono lontani i tempi in cui un consigliere comunale di maggioranza (nel caso Massimo Coppola, intanto promosso ad assessore nel corso dell’ultimo rimpasto della giunta) sbottava contro i dipendenti parlando apertamente di “fannulloni” e preannunciando addirittura missive al cianuro da inviare all’allora ministro alla funzione pubblica Renato Brunetta che sulla lotta agli assenteisti ne fece un vero e proprio cavallo di battaglia. Al municipio di Sorrento si lavora. E non poco. Non è che ci fossero tanti dubbi, sia chiaro, nonostante spesso - anche sui social network - sui dipendenti comunali aleggino luoghi comuni e battute. Ora ci sono anche i numeri, precisi ed eloquenti. Rispetto ai primi nove mesi di un anno fa, tra dirigenti e “semplici” impiegati, il dato di presenza - da gennaio a settembre - è nettamente aumentato: nel 2014 ci sono state 505 giornate in meno di assenza (si è passati da 5166 a 4661). Un calo in percentuale dell’1.5% sul computo complessivo inserito dall’ente municipale di piazza Sant’Antonino nel report annuale. Insomma, altro che “fannulloni”. E al di là delle inchieste condotte a raffica da Procura della Repubblica di Torre Annunziata e carabinieri che, nelle vicine Sant’Agnello e Piano di Sorrento, negli ultimi mesi hanno portato all’arresto di due impiegati municipali più la denuncia di 7 comunali intanto tutti finiti a processo perché accusati di truffa.
 

Famiglia in ospedale per funghi velenosi

Grave uno dei figli 

Meta - Una famiglia di quattro persone, padre e madre e due figli, è stata ricoverata per avvelenamento dopo avere mangiato funghi, raccolti presso la pineta de Le Tore. Uno dei due figli, un ragazzo di 19 anni è stato trasportato al Cardarelli. Il giovane di Meta, subito dopo il malore, era stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Sorrento. Le sue condizioni sono apparse subito gravi, tanto da indurre i sanitari all’immediato trasferimento presso l’ospedale napoletano. Il giovane è stato ricoverato presso l’unità di terapia intensiva per il fegato, dove di solito sono ospitati chi è in attesa di un trapianto e i pazienti con gravissimi disturbi epatici. I medici napoletani, hanno immediatamente sottoposto il 19enne a una terapia specifica, con l’obiettivo di fermare l’avanzata delle sostanze tossiche rilasciate dai funghi. Ora lotta tra la vita e la morte. Migliorano, invece, le condizioni della madre, del padre e del fratello maggiore, che pure avevano accusato forti disturbi dopo aver ingerito i funghi. È importante ripetere che non esistono regole empiriche per stabilire la commestibilità dei funghi: ogni esemplare va classificato con certezza e consumato solo se appartiene a specie commestibili. Non è opportuno fidarsi di "presunti esperti". Gli unici che possono indicare con certezza quali siano i funghi da consumare o quelli tossici sono gli Ispettorati micologici delle ASL. In caso di dubbio, è sempre assolutamente necessario astenersi dal consumare miceti, alcuni dei quali, anche se di aspetto gradevole, di tinte tenui, possono rivelarsi velenosi e talvolta mortali.

L'arte della felicità, 30 dicembre ore 19


Vico Equense - La Commissione Pari Opportunità, nell'augurarvi un sereno Natale ed un felice Anno Nuovo, invita alla visione del film "L'arte della felicità" di Alessandro Rak, il giorno 30 dicembre ore 19.00 presso la Sala Polifunzionale della Ss Trinità e Paradiso.

giovedì 18 dicembre 2014

Multe non pagate. Oltre 1700 verbali nel mirino, buco di 130mila euro. Il Comune si affida a Equitalia

Vico Equense - Un buco bello grosso nelle casse di un Comune che, nel corso degli ultimi quattro anni, si è visto tagliare i trasferimenti da governo centrale e Regione Campania per una percentuale horror pari addirittura al 26%. Soldi che una volta arrivavano a raffica ma che adesso rappresentano un miraggio. Un buco pari alla somma di 130mila euro che, se da una parte è il computo complessivo di soldi comunque contenuti in bilancio sotto la voce di “previsione d’entrata”, rappresenta al di là di tutto un “tesoretto” utile, prezioso. Ma che finora non è stato ancora riscosso. Non perché il Comune di Vico Equense non abbia fatto notificare in tempo le note e le quote di pagamento a chi dovrebbe - in teoria - saldare i conti. Ma perché sia automobilisti che centauri finiti nel mirino del comando di polizia municipale non allargano i cordoni della borsa e liquidare tutto a stretto giro. Sono quasi 1700 le multe stradali rimaste finora senza pagamenti e su cui adesso l’ente di via Filangieri guidato dal sindaco Gennaro Cinque intende avere “giustizia”. E al più presto. Perché il rispetto del patto di stabilità è una vera e propria “mission” per l’amministrazione di Vico Equense che, di concerto all’attività di contrasto all’elusione delle imposte municipali, giustamente ora si scaglia contro i debitori. E come? Affidandosi a Equitalia.
 

Sorrento. Nel vagone piove e non si respira. Viaggio incubo nel treno Circum. Rivolta di studenti e lavoratori

Sorrento - L’ennesima mattinata d’inferno. L’ennesima giornata nera. Con un convoglio, in partenza dalla stazione della Circumvesuviana di Sorrento, pieno in ogni ordine di posto. E soprattutto con un finestrino danneggiato. Manco a dirlo, per i viaggiatori - soprattutto pendolari e studenti universitari - è stato un viaggio da dimenticare. Il treno - in partenza alle 6.51 da Sorrento - ben presto si è ritrovato in condizioni choc, con pozze d’acqua che ben presto si sono formate sul pavimento complice l’acquazzone che ieri mattina ha flagellato tuttala penisola sorrentina. «Non è possibile andare a lavoro così» sbotta un avvocato che, per raggiungere il Tribunale di Torre Annunziata, ieri mattina ha deciso di non prendere l’auto ma di “imbarcarsi” - suo malgrado - su quelli che spesso vengono definiti “carri bestiame”. Passano i giorni, dunque, ma il disastro della Circumvesuviana non conosce soste né fermate. Ieri, a Sorrento, l’ennesima storia di disservizio quotidiano che si va a ripercuotere non solo sulla tenuta del servizio ma anche sull’immagine che l’intero territorio rende sulla scena internazionale. Anche perché, al di là dei consueti ritardi - dovuti spesso a problemi di natura tecnica - a bordo dei convogli ci sono turisti stranieri che, inevitabilmente, non fanno buona pubblicità al trasporto su ferro targato Circum. Il treno, diretto a Napoli, appena giunto alle porte di Torre del Greco si è anche dovuto fermare per un intoppo che ha fatto inevitabilmente salire il ritardo sull’orario di arrivo nel capoluogo partenopeo. I disagi che ci sono stati ieri non fanno altro che aumentare anche la tensione verso le prossime elezioni Regionali. E’ da tempo in atto un’autentica battaglia tra l’opposizione e l’assessore regionale ai trasporti, Sergio Vetrella, che duellano sul tema dell’ex Circum. (Fonte: Josè Astarita da Metropolis)

Sal De Riso in Piazza San Pietro per festeggiare Papa Francesco

Già nel 2000, in occasione del Giubileo, Sal De Riso aveva creato un dolce, Oro Puro, in onore di papa Giovanni Paolo II. Ieri, nel giorno del compleanno di Papa Francesco, De Riso era in Piazza San Pietro, assieme ai tantissimi fedeli accorsi per assistere all’ultima udienza dell’anno e per unirsi al coro di auguri per il Papa argentino Un compleanno all’insegna della sobrietà e dell’affetto dei fedeli, espresso con assoluta spontaneità. C’è chi gli ha offerto il mate, la bevanda nazionale argentina, chi un palloncino colorato, chi un semplice biglietto di auguri. Sal De Riso, in Piazza assieme alla sua famiglia, ha voluto omaggiare Jorge Mario Bergoglio con una delle sue dolci prelibatezze.

Raffaele Lauro è stato nominato membro del CdA della Fondazione Link Campus University e del CdA dell’Università

Sorrento - In data 9 dicembre, il professor Raffaele Lauro è stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Link Campus University e del Consiglio di Amministrazione dell’Università. La Link Campus University di Roma è un’università pubblica, non statale, al cui Rettorato è stato chiamato il chiarissimo professor Adriano De Maio, Rettore, dal 1994 al 2002, del Politecnico di Milano e Rettore, dal 2002 al 2005, della LUISS “Guido Carli” di Roma. La Link Campus University, tra le università pubbliche, si caratterizza per un approccio internazionale alla formazione, sia nella didattica che nella ricerca. L’internazionalizzazione, insieme con l’interdisciplinarietà, costituisce il fondamento del progetto formativo della Link, al fine di preparare i futuri professionisti del mercato globale.

L’ Aequamostro sul Tg3

Vico Equense - Abbattuto finalmente l’ecomostro di Alimuri senza compensazioni per i proprietari a Vico Equense resiste, invece, l’Aequamostro. Spuntò 4 anni fa ed è un serpentone di cemento largo circa 3 metri e lungo 400 metri che ha deturpato il vallone di Seiano, nei pressi della Marina di Aequa. Strada di cantiere al servizio del costruendo depuratore di Punta Gradelle, scrissero i tecnici quando fu disegnata su carta. Invece niente. Per costruire quella strada sono stati abbattuti almeno un centinaio di alberi, in un vallone già offeso da tanti abusi edilizi impuniti e da un cementificio. Oggi, nel corso del Tg3 Campania delle ore 14 il giornalista Vincenzo Perone, ha realizzato un servizio col WWF, sull'Aequamostro. «Il viadotto è l'ennesimo inutile monumento in calcestruzzo e "cartapesta" – afferma Claudio d’Esposito, presidente WWF Penisola Sorrentina - a testimonianza dell'incapacità, dell'incompetenza e della mala fede della classe politica che amministra i nostri fragili e preziosi territori. Non può essere considerata una via alternativa e va messo al primo posto nella lista dei futuri mostri da demolire». Quel tracciato, è nato come via ad uso esclusivo dei camion in uscita dal cantiere del depuratore di Punta Gradelle, carichi di roccia. O, almeno, così è stato giustificato. Lo scavo era infatti già ultimato quando, circa 4 anni fa, iniziarono i lavori della stradina. I funzionari del commissariato per la depurazione dissero poi che sarebbe stato percorso, quel tracciato, dai camion che avrebbero portato via i fanghi prodotti dal depuratore, una volta che fosse stato realizzato. Punta Gradelle, però, ne produrrà pochissimi. Quest’estate è stato usato come via alternativa a senso unico in caso di traffico. IN Movimento per Vico ne ha chiesto l’abbattimento, il civico consesso, però, ha bocciato la mozione presentata dai consiglieri di opposizione in cui si chiedeva di attivarsi con il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, per chiedere l’annullamento in autotutela dell’atto che ne autorizzò all’epoca la costruzione e permetterne di conseguenza la demolizione.

Musica, teatro e tradizioni popolari: il fitto calendario di eventi natalizi

Vico Equense - Musica, teatro, presepi, iniziative per bambini: questi gli ingredienti del calendario di eventi natalizi proposto dall'amministrazione comunale di Vico Equense. Appuntamenti all'insegna della tradizione ma anche grandi novità come quelle che riguarderanno il presepe itinerante de «Le Pacchianelle» del 6 gennaio, che quest'anno prevede più cortei distinti, percorsi diversi e nuovi figuranti. Ma il programma delle iniziative è ben nutrito già dai prossimi giorni. Numerosi i concerti che interesseranno sia il centro cittadino che le frazioni. Tra questi, domani alle ore 19, nella cattedrale della Santissima Annunziata, «Concerto di Natale» a cura degli alunni delle scuole elementari e medie dei plessi Pascoli e Scarlatti. Domenica, sempre in cattedrale alle ore 19, concerto della corale della chiesa di Santa Maria del Lauro di Meta, mentre il 30 dicembre sarà la volta delle sesta edizione di «Natale in coro». La corale San Ciro, diretta da Emma Innacoli, si esibirà invece nella chiesa parrocchiale il 26 dicembre. Il 3 gennaio, concerto dell'Epifania nella congrega dell'Assunta. Stesso giorno, nella chiesa di San Renato a Moiano, «Concerto di auguri per il nuovo anno». Tanti i presepi che apriranno le porte a partire dalla notte di Natale, tra cui quello della parrocchia di San Ciro, della congrega dell'Assunta, di Seiano, di Santa Maria del Toro. A Ticciano presepe vivente il 27 e 28 dicembre e il 4 e 5 gennaio. Il 27 dicembre, il 2 e il 4 gennaio, nei vicoli del centro storico e del quartiere Vescovado scene bibliche animate dell'infanzia di Gesù. Tra le iniziative pensate per i più piccoli, dal 19 al 25 dicembre, in piazza Marconi, apre i battenti il villaggio de «La magia del Natale», organizzato dall'Acove, associazione commercianti vicani, in collaborazione con l'associazione Flying Events. Casette in legno faranno da sfondo ad attività ludiche sotto la guida di elfi-animatori mentre spettacoli di strada movimenteranno il centro cittadino. Variegato anche il programma di spettacoli teatrali sull'intero territorio comunale. Tra questi, la compagnia stabile Teatro mio proporrà, dal 20 dicembre, la commedia «I casi sono due». A Capodanno, tradizionale brindisi di Capodanno in piazza Umberto I. (Fonte: Claudia Esposito da Il Mattino) 

È morta Virna Lisi

Nella foto: set del film "Maruzzella"; Virna Lisi a Vico Equense
Vico Equense, negli anni ’60 è stata set di svariate pellicole cinematografiche, prestando in diverse occasioni la propria storia e le proprie bellezze paesaggistiche al grande schermo. Anni in cui sembrava che Hollywood e Cinecittà si contendessero i panorami mozzafiato della nostra terra, che hanno contribuito a rendere famosi attori come Virna Lisi, scomparsa oggi a Roma all'età di 78 anni. Aveva scoperto, solo un mese fa, di avere una malattia incurabile. Nella sua carriera aveva ricevuto sei Nastri d’argento, un premio per la migliore interpretazione femminile a Cannes, quattro David di Donatello, di cui due alla carriera. Era Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

I "Movie Tour", un "Museo del Cinema" e un documentario: a Vico Equense si ricordano i film e i set che hanno reso celebre la Penisola Sorrentina nel mondo

Anna Falchi 
Vico Equense - Un trenino turistico che fa tappa sui principali set cinematografici della Costiera Sorrentina, questa l'idea dei Movie Tour, promossi nell'ambito della quarta edizione del Social World Film festival e organizzati dal Comune di Vico Equense in collaborazione con i Comuni della Penisola. I tour del cinema prenderanno il via sabato 27 dicembre con un giro inaugurale dedicato alle autorità e alla stampa che partirà da Corso Filangieri - Vico Equense alle ore 9,30 per visitare i luoghi che hanno reso immortali attraverso il cinema le bellezze e la natura della Costiera Sorrentina. I Movie Tour saranno, poi, aperti al pubblico già dal giorno dopo. Sempre sabato 27 alle ore 12,00 (subito dopo l'arrivo del Movie Tour) si terrà la visita al Museo Archeologico con l'inaugurazione del "Museo/Mostra permanente del Cinema del Territorio e della Penisola Sorrentina", presso la Storica Casa Comunale, corso Filangieri di Vico Equense, dove sono raccolti cimeli e ricordi della cinematografia di tutti i tempi, i cui lavori furono aperti durante il Social World Film Festival 2014 da Anna Falchi. Durante l'evento verrà proiettato "Cinema in Costiera", un documentario che ripercorre la Penisola Sorrentina attraverso i film che sono stati girati a Vico Equense, Meta di Sorrento, Piano di Sorrento, S. Agnello, Massa Lubrense, Sorrento e Castellammare. Il Monte Faito, Seiano, Marina d'Equa, Punta Scutolo, il Molo delle Axidie, i Bagni della Regina Giovanna, gli Agrumeti di Meta sono solo alcuni dei luoghi visitati dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo, già direttore artistico del Social World Film Festival, per riscoprire i set di capolavori del cinema italiano tra i quali “Pane, amore e...”, “La cieca di Sorrento”, “Il Decameron” di Pasolini, “Viaggio di nozze all'italiana”; con i contributi di Gian Luigi Rondi, Carlo Croccolo, Raffaele Lauro, Giacomo Rizzo, Valerio Caprara, Giuseppe Visconti e Giuliana Gargiulo.