lunedì 30 marzo 2015

La Campania maschilista

Vico Equense - Campania "maschilista": 133 Comuni non rispettano la parità tra uomo e donna nella composizione delle giunte municipali. Poche donne nel ruolo di assessori, al di sotto del limite imposto dalla legge Delrio entrata in vigore 1'8 aprile 2014 che stabilisce che nei comuni superiori ai 3 mila abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento. Tempi duri per i sindaci: «Se non si adeguano, riceveranno una diffida formale», attacca il difensore civico regionale Francesco Bianco. Di recente il Tar di Catanzaro ha disposto anche lo scioglimento delle giunte. I primi cittadini devono procedere all’immediata sostituzione e integrazione del sesso rappresentato in minoranza, altrimenti sarà il difensore civico ad agire con i poteri sostitutivi. La Giunta del sindaco Gennaro Cinque, con una sola donna, pertanto, deve adempiere alle prescrizioni. Uno schiaffo per quei Sindaci irrispettosi nei confronti delle donne e di tutte le normative che tutelano la rappresentanza di genere e il rispetto delle pari opportunità.

Scavi di Oplontis, la villa di Poppea e il suo affaccio sul mare. Guarda il video di Ilenia De Rosa da Il Mattino


Vertenze economiche Vico calcio

Vico Equense - Continuano le vittorie della Società Sportiva Real Vico Equense al Tribunale dello Sport. La Società, infatti comunica, con ampia soddisfazione, la ulteriore vittoria in appello, anche della vertenza contro il calciatore Davide Trofa. Infatti dopo una serie di udienze, da parte dei legali della Società, presso la sede della lega Nazionale dilettanti in Roma, la commissione Vertenze economiche, commissione di secondo grado, ha dato ancora una volta ragione al Real Vico Calcio. I legali della società, come accaduto in passato (vedi causa Torrecuso/Vico Equense – Zaminga/Vico Equense – Corsale/Vico Equense), hanno saputo smontare, tutte le tesi proposte dai legale del Calciatore. Infatti l’ottima requisitoria del Vico ha convinto i giudici di grado superiore, dell’illogicità ed insussistenza della sentenza di primo grado. Pertanto senza dilungarci nei particolari, la Commissione di Appello ha stabilito, che al Trofa nulla era dovuto e che, la commissione di 1° grado è stata superficiale, inattendibile e illogica. La società sportiva ringrazia, per l’ennesima volta lo studio Legale dell’Avv. Trombetta, con il quale si spera di uscire vincitori nelle ultime due vertenze ancora in corso.

Una città che si dice turistica…

Vico Equense - Passo svelto ma non troppo perché fuori allenamento, ieri sono andato alla marina di Vico. Il percorso con i tornanti, abbastanza lungo, battuto solo da scooter e qualche macchina è stato gradevole. Le sorprese arrivano una cinquantina di metri prima della piazzetta che dà sull’«Antico Bagno». Una sedia con un palo, quasi a centro strada, segnala la presenza di un tombino franato. Qualche metro più su, rispetto alla sedia copri-tombino, c'è invece una recinzione arancione, che avverte di un altro chiusino sprofondato. Stanno lì dall’anno scorso, mi dice un residente, e oramai fanno parte del paesaggio. Dopo aver ammirato il mare e i pochi coraggiosi bagnanti, stringendo i denti, scelgo di salire per via Castello Marina. La scorciatoia unisce il centro storico con la Marina di Vico, passando al di sotto del maniero trecentesco del castello e snodandosi tra panoramici uliveti. Il viottolo si presenta sudicio e pericoloso. Una salita da Camel Trophy, se decidete di andarci mettetevi gli scarponi da trekking, supererete in maniera più agevole fossi e massi franati che invadono il passaggio. Le rampe di scalinate smangiucchiate sono invase da rovi e altra vegetazione, rappresentando uno spettacolo poco edificante per l'immagine di una città che si dice turistica.

Bando per le imprese artigiane. Scadenza 8 aprile 2015

Piano di Sorrento - Entro e non oltre le ore 24.00 dell'8 aprile 2015 è possibile presentare domanda di partecipazione al “Bando per il sostegno allo sviluppo delle imprese artigiane” della Campania approvato dalla Giunta regionale-Dipartimento della programmazione e dello sviluppo economico, con Decreto dirigenziale n.270 del 20/03/2015. Il bando prevede contributi a fondo perduto, nella misura del 35% delle spese sostenute da imprese artigiane per programmi non inferiori a 5000 euro e non superiori a 50.000 euro, destinati all'acquisto di macchinari o all'acquisizione di servizi reali quali: servizi per l'e-Commerce e servizi di supporto all'imprenditore per favorire l'applicazione dei risultati della ricerca tecnologica e l'eventuale deposito di brevetti per nuovi prodotti o nuovi processi produttivi. È destinato a microimprese, piccole e medie imprese, consorzi e società consortili, anche in forma cooperativa, iscritti all'Albo provinciale delle imprese artigiane ed operanti in tutte le attività artigianali di produzione, individuata nella sezione “C – Attività manifatturiere” della classificazione ATECO ISTAT 2007. Per presentare la propria domanda di partecipazione è necessario attivare la procedura telematica sul sito istituzionale www.regione.campania.it (sezione “News”, sottosezione “Regione informa”).
 

Tpl, Marciano (PD): In Campania taglio di 132 milioni di euro, più alto d’Italia

Regione Campania - “Ancora una volta, sono i numeri veri a parlare e a smentire clamorosamente le dichiarazioni fantasiose del professor Vetrella: dal 2010 il Governo Caldoro ha ridotto le risorse per i servizi di trasporto pubblico (gomma più ferro) di ben 132 milioni di euro (-18%), passando dai 719 milioni di euro del 2010 ai 587 del 2012. Si tratta, secondo la Associazione Nazionale delle Aziende Trasporto (ASSTRA), del taglio più forte in Italia, frutto di una scelta tutta politica dell’attuale Giunta Regionale. È davvero ridicolo provare ad affermare il contrario o continuare a nascondersi dietro responsabilità nazionali o eredità del passato”. Così il vicecapogruppo regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano, dopo le affermazioni dell’assessore regionale ai Trasporti durante gli Stati Generali del Trasporto Pubblico locale in Italia. “Crollo dei passeggeri, con 600mila persone lasciate a piedi ogni giorno rispetto al 2010, come risulta dall’ultima rilevazione effettuata dal Consorzio Unico Campania; impennata dell’evasione, arrivata quasi al 30 per cento; conseguente diminuzione degli introiti per le aziende di trasporto, dagli oltre 156 milioni di euro del 2010 ai 135,7 milioni incassati nel 2013, nonostante i vari aumenti di prezzo del biglietto, +23,75% tra 2010 e 2014, che hanno colpito le tasche dei cittadini in questi anni di amministrazione di centrodestra, in ultimo col Tic: ecco la sintesi della cura Vetrella-Caldoro sul trasporto pubblico in Campania, a cui vanno aggiunti i disagi quotidiani subito dai pendolari, lo stato fatiscente di mezzi e stazioni, il ripetersi di episodi di violenza”, prosegue il consigliere.
 

Osservatorio sul lavoro: Naspi, campagne informative e pagina facebook

Piano di Sorrento Venerdì 27 marzo presso la Sala consiliare del Comune di Piano di Sorrento si è svolta la riunione intercomunale dell'Osservatorio per il monitoraggio del lavoro precario ed il contrasto e l'emersione del lavoro non regolare, istituito dal Comune di Piano di Sorrento e in fase di ampliamento in organo peninsulare. Alla seduta hanno preso parte il Sindaco di Piano di Sorrento Giovanni Ruggiero, il Presidente dell'Osservatorio Pasquale Cesarano, in rappresentanza del Comune di Sant'Agnello il Vice Sindaco Chiara Accardi, in rappresentanza del Comune di Massa Lubrense il Consigliere Antonino De Gregorio, e i membri dell'Osservatorio Catello Agretti, Matteo Vitagliano e Giuseppe Cappiello. In prima battuta è stato approfonditamente affrontato l'argomento della Nuova assicurazione sociale per l'impiego, la NASPI, introdotta dal Governo Renzi con il Jobs Act e in vigore dal prossimo primo maggio, rivolta a tutti i lavoratori dipendenti, ad esclusione dei dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e degli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato. Durante il confronto, i presenti hanno evidenziato le criticità primarie del decreto attuativo, soffermandosi in particolare sull'art.5 del testo dedicato ai lavoratori stagionali a cui verrebbe corrisposta solo la metà delle settimane di contribuzione. A tutela dei tanti lavoratori stagionali del settore turistico peninsulare, i componenti dell'Osservatorio hanno concordato la produzione di un documento di denuncia e proposte alternative per richiedere la revisione della legge, coinvolgendo in prima linea i Comuni (tra cui il Comune di Sorrento che ha già approvato un atto similare nella seduta di Consiglio del 27 marzo) e avviando un tavolo di confronto con le Istituzioni superiori e Federalberghi.
 

Vico Equense - Processione del Venerdì Santo


Cinema, fotografia e comunicazione: Tutte le opportunità del social

Aperte le iscrizioni alle giurie, ai workshop e al contest del Social World Film Festival 2015 

Vico Equense - Il Social World Film Festival si sta preparando per la prossima edizione, prevista dal 4 al 12 luglio 2015 a Vico Equense, in Costiera Sorrentina, con uno sguardo fisso ai giovani. Sono tantissime le opportunità che la mostra internazionale del cinema sociale offre agli amanti del cinema, della fotografia e della comunicazione, grazie a 2 workshop professionali, un contest e alla partecipazione alle 2 giurie che animano il Social. Grandi occasioni per coloro che hanno voglia di cimentarsi nel campo del giornalismo, della fotografia e delle tecniche cinematografiche, con la possibilità di apprendere dai maestri del settore e vincere un corso di formazione. Inoltre le giurie: 200 giovani dai 15 ai 35 saranno selezionati per diventare giurati del Social World Film Festival e partecipare a proiezioni, eventi e incontri in esclusiva con i protagonisti della kermesse del cinema sociale e fare un'esperienza davvero unica insieme a tantissimi nuovi amici. 

Ecco tutti i bandi aperti: 

Dove il mare luccica Dalla trovò la luna

Fonte: Fabrizio d'Esposito da Il Fatto Quotidiano 

Li Galli sono tre isolotti che si scorgono dalla strada più bella del mondo, che va da Piano di Sorrento a Positano ed è scavata nella roccia tra cielo e mare. Sullo sfondo, verso la punta della Campanella e il golfo di Napoli, ci sono i Faraglioni di Capri. A Li Galli c'erano le sirene che volevano incantare Ulisse ed è qui che Lucio Dalla passò un giorno della sua ultima estate, prima di morire. Era il 2011 e Dalla fu ospite di uno dei suoi migliori amici sorrentini, Giovanni Russo, proprietario del minuscolo arcipelago dopo Léonide Massine e Rudolf Nureyev.

Alla ricerca della dea Selene 

Quando il tramonto si esauri, nel buio scintillò una magnifica luna piena. Il cantautore commentò lo spettacolo del plenilunio con Pat Fok Lai-ping, una fotografa cinese. Le chiese poi quanti anni avesse la luna e lei rispose che ne aveva almeno quattro miliardi e mezzo. Dalla raccontò di una notte romana passata a cercare invano la dea Selene sull'Aventino e si alzò da tavola. Si avvicinò a una ringhiera di legno, si accese una sigaretta e guardò la luna piena, cioè Selene. Pat Fok Lai-ping fermò quel momento e Dalla si congedò così dai suoi amici commensali: "Abbiamo vissuto insieme giornate meravigliose, seguite da notti del pari meravigliose. Non so se riusciremo a rinnovare, insieme, in futuro, momenti tanto felici, baciati dall'assoluto. Finalmente io ho incontrato la dea, il mistero. In tanti anni, siamo stati insieme pesci del mare, uccelli del cielo e angeli tra gli angeli. Se nascesse ancora Dio, gli ubbiderei, amandolo, ma a modo mio, a modo mio. Sento che un ciclo si sta compiendo. Io sono già pronto, comunque, per l'altro tempo". Epitaffio di luna piena.


domenica 29 marzo 2015

Lavori alla spiaggia di Seiano, l’Amministrazione accelera

Vico Equense - Rifacimento degli asfalti, ripavimentazione e strada quasi in prossimità dell’arenile. L’amministrazione ha dato una forte accelerata ai lavori pubblici previsti alla spiaggia di Seiano. C’è stato chi ha eccepito sulla piena legittimità di alcune opere. Si dice che sta per partire l’ennesimo esposto. Intanto Sindaco ed operai vanno avanti come carri armati per completare gli interventi progettati prima di pasqua e rendere la marina più funzionale in vista dell’estate. (Fonte: Agorà della penisola sorrentina)

Coste sicure, Vico Equense non ha aderito al progetto

Vico Equense - 3 milioni e 400mila euro al comune di Meta, 2 milioni e 400mila a Massa Lubrense, 2 milioni a Sant’ Agnello e Piano di Sorrento. Il governatore Stefano Caldoro, nelle scorse settimane, ha straziato 10 milioni di euro: un’importante risposta alla richiesta, più volte sollevata dagli amministratori locali, della messa in sicurezza delle coste in Penisola sorrentina. Il progetto giaceva in Regione Campania dal 2004, grazie all’intervento di Flora Beneduce consigliere regionale e vice presidente Commissione Affari istituzionali, è arrivato lo stanziamento. “Coste sicure” prevede interventi a difesa delle coste, ripascimento degli arenili e consolidamento dei costoni rocciosi. E’ necessario, però un chiarimento, visti i "rumors", sul perchè non ci fosse anche Vico Equense tra le Città finanziate. Lo chiediamo a Mariateresa Eusebio, consigliere comunale di maggioranza: “Il finanziamento, difatti, è destinato ai soli Comuni di Piano di Sorrento, Meta, Massa Lubrense e Sant’Agnello per un unico e semplice motivo: i comuni di Sorrento e Vico Equense non hanno aderito al progetto e al protocollo d'intesa, restando “fuori” dal finanziamento.”

Divergenze…

Vico Equense - Una Giunta dove tutti sono uno contro l'altro. Questo sembra emergere dalla lettura di Agorà, il settimanale della penisola sorrentina. In un articolo si fanno notare i rapporti tra l’assessore al bilancio e il Sindaco, che a quanto pare non si parlano da più di un mese. Motivo del contendere: l’esternalizzazione del servizio tributi. In un altro trafiletto, si rilevano le divergenze sulla questione dell’ex Hotel Cristallo, tra l’assessore ai lavori pubblici che insiste per realizzare appartamenti e il vice sindaco che, invece, gli ricorda che nella programmazione urbanistica comunale si dice con chiarezza che in città non servono nuovi appartamenti ma strutture ricettive per potenziare l’offerta turistica. Dalla lettura del settimanale, emerge un esecutivo allo sbando, in piena crisi d’identità, impegnato ahimè a incespicare sul flebile filo di un equilibrio politico ormai spezzato. Il segno più evidente che lo sfilacciamento ha raggiunto il livello di guardia…

Boscotrecase, apre l’isola ecologica

A partire dal mese di aprile 2015 i rifiuti avranno una nuova destinazione 

Boscotrecase - L’amministrazione comunale di Boscotrecase, d’intesa con la Tekra srl, azienda leader nel settore dei servizi ecologici, ha inaugurato in via Nazionale 59, l’isola ecologica. L'apertura del Centro Comunale di Raccolta dedicato al riciclo, è coincisa con la «Festa di primavera». I bambini, infatti, sono stati accolti da giocolieri, trampolieri e gonfiabili. Ma è stato anche spiegato loro cos'è un'isola ecologica e la sua importanza per l'ambiente. “In questi anni, - spiega il Sindaco Agnese Borrelli - è stato fatto tanto per incrementare la percentuale di raccolta differenziata nel nostro Comune, ma le normative europee pongono degli obiettivi ben precisi che vanno raggiunti nel più breve tempo possibile. Da oggi implementiamo il piano di raccolta differenziata e offriamo un servizio aggiuntivo al cittadino.” Attraverso l’isola ecologica, l’Amministrazione Comunale di Boscotrecase si propone di concorrere a raggiungere gli obiettivi sempre più ambiziosi nella raccolta differenziata. Combattere il fenomeno delle discariche abusive (pericolose e nocive per l’ambiente e per i cittadini). Incentivare la trasformazione dei rifiuti in risorse. L’isola ecologica, come chiarisce la Tekra, è uno spazio attrezzato dove il cittadino può portare vari materiali. La raccolta differenziata non riguarda, infatti, soltanto bottiglie, giornali, imballaggi, ma anche i rifiuti ingombranti come lavatrici, frigoriferi, mobili, divani, computer, televisioni, etc.

Mons. Alfano: “Buona Settimana Santa in compagnia delle donne che guardano lontano”

Con il Sorrento Express collegamenti più facili

La presentazione al forum della Fondazione Agnes 

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Sorrento - A breve, per i turisa di mezzo mondo sarà più facile muoversi tra Napoli e la costiera. Il merito è di Sorrento Express, il treno speciale che nelle prossime settimane collegherà nuovamente il capoluogo campano a Pompei e Sorrento. Ad annunciarlo è stato l'assessore regionale Pasquale Sommese, ospite del forum internazionale sul turismo e sulla cultura organizzato dalla Fondazione Biagio Agnes nella sala consiliare del Comune. Il convoglio trasporterà i vacanzieri da Napoli alla città degli scavi in soli venti minuti, per poi terminare la corsa a Sorrento. A bordo saranno proiettati filmati e fotografie per promuovere le eccellenze culturali, gli scenari mozzafiato e le prelibatezze gastronomiche delle principali mete turistiche della Campania. E, durante le sei corse giornaliere, gli ospiti riceveranno l'assistenza e le informazioni necessarie. Un'iniziativa speculare coinvolgerà anche la zona di Paestum, dove a potenziare il trasporto su ferro ci penserà il treno Cuento Blu. Il bando dovrebbe essere pubblicato da Palazzo Santa Lucia già nei prossimi giorni. «Dopo la tanto attesa legge sul turismo - ha sottolineato l'assessore Sommese - la Regione ha scelto di investire sulla mobilità e su gli eventi, proponendosi come ente di programmazione e di sostegno ai progetti in grado di valorizzare le eccellenze campane». Un risultato importante per Sorrento che, attraverso il sindaco Giuseppe Cuomo e il consigliere Antonino Maresca, ha fatto pressing sulla Regione per ottenere un potenziamento dei trasporti in funzione turistica. Molti dei problemi che affliggono gli operatori, però, sono ancora da risolvere.
 

I napoletani a giugno alla scoperta di Spalato

di Harry di Prisco

Napoli ha ospitato per tre giorni i professionisti del turismo alla Mostra d’Oltremare di Napoli per la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo. L’appuntamento ha riunito in città tutti i principali tour operator italiani e circa 300 buyers internazionali interessati al prodotto Italia. La BMT si conferma quale unico appuntamento professionale di rilievo in Italia. «La folta partecipazione di pubblico, ed in particolare delle agenzie di viaggi, è il segnale di un settore in fermento e della voglia di ripresa che si sente nell’aria. Il vero segreto della partecipazione alle fiere di settore sta proprio nel saper riuscire a coinvolgere i propri interlocutori per interessarli alle iniziative ed ai propri prodotti» ha dichiarato il Presidente della BMT, Angioletto de Negri. In questa voglia di riprendere a viaggiare low cost, da giugno easyJet collegherà con due voli settimanali Napoli con la città croata di Spalato, famosa per il suo grandioso Palazzo di Diocleziano e a poca distanza dal Parco Nazionale Krka, ricco di cascate e torrenti . Per la compagnia è il 25° collegamento dal capoluogo campano che si riconferma quale base principale per l’Italia. Nei primi dieci mesi del 2014, le attività collegate al turismo in Croazia hanno generato un fatturato di 6,77 miliardi di euro, 168 milioni di euro in più rispetto allo stesso periodo del 2013 (+2,5%) e hanno fatto salire la percentuale di prodotto interno lordo generata dal turismo al 20,9%.
 

sabato 28 marzo 2015

Cavo della fibra ottica appeso in via Bonea


Vico Equense - Tra l'enfasi dei convegni e la realtà della nostra città, di strada da percorrere ce n'è ancora molta…

Strade piene di buche, proteste ad Arola

Arola, Piazza Sant'Antonino
Disagi, danni alle auto e rischio di cadute dal motorino: i residenti chiedono interventi

Vico Equense - Non ci vuole molto a capire il motivo della rabbia dei residenti della Frazione di Arola: basta fare un giro a piedi o in macchina per notare il degrado che persiste in Piazza Sant’Antonino, di fronte all’Istituto scolastico. Buche, rattoppi, asfalto consumato dal passare del tempo. Le foto sono state pubblicate sulla pagina facebook “ogni buco non è pertuso” dell’associazione “Portatori Sani di Cambiamento”, dove continuano ad affluire le foto della buca traditrice, quella che non hai visto in tempo, quella piena d´acqua o coperta da uno strato di foglie morte, quella che ti frega e, se ti va bene, ti spedirà dal meccanico o, se ti va male, in ortopedia. Dal Comune la risposta è sempre la stessa: "dobbiamo fare a breve la metanizzazione e dopo asfalteremo". Da tempo in questo Comune si è rinunciato a praticare la normale manutenzione e quando si protesta, come accaduto per muretti sulla stessa strada, la risposta è sempre la medesima: aspettiamo i finanziamenti regionali e dobbiamo fare la metanizzazione. Intanto, i cittadini continuano a rischiare di farsi male.

Santissima Trinità e Paradiso, Franca Rossi (Pd): “L’iter parlamentare sarà velocizzato”

Vico Equense - Che le sorti del complesso monumentale della Santissima Trinità e Paradiso stiano particolarmente a cuore alla popolazione lo testimoniano due petizioni sottoscritte da migliaia di cittadini, numerosi dibattiti pubblici e istanze provenienti da associazioni e residenti preoccupati per il destino dello storico ente risalente al diciassettesimo secolo. È stata proprio la petizione cittadina del 2010, con oltre 3000 firme, il primo importante segnale che ha scosso gli animi, a seguito del quale gli amministratori locali hanno avviato l’iter per chiedere l’acquisizione del complesso al patrimonio comunale. “Ad inizio di questa settimana, - spiega Franca Rossi, segretaria del Circolo Pd di Vico Equense - in qualità di Delegata Nazionale del PD e Segretaria del Circolo di Vico Equense, sono stata a Roma, presso gli organismi ministeriali competenti, per approfondire assieme ai Responsabili del Partito in Campania, la situazione dell’iter legislativo riguardante il trasferimento al Comune di Vico Equense dell’Istituto SS. Trinità e Paradiso. E’ stata esaminata tutta la documentazione, sia riguardante l’iter parlamentale che l’iter seguito dal Comune di Vico Equense. Ho avuto assicurazione che saranno individuate, per superarle, le eventuali criticità nella procedura riguardante l’iter parlamentare (ancora fermo in commissione Bilancio) al fine di velocizzare l’approvazione del Disegno di legge di trasferimento dell’Istituto al Comune di Vico Equense.”, conclude Franca Rossi.

PD Penisola Sorrentina: Lavoriamo per tutelare gli stagionali

di Partito Democratico della Penisola Sorrentina

Penisola Sorrentina - Utilizzare i rapporti interni ed esterni al PD per risolvere ogni problematica riguardante il territorio. E’ questa, da tempo, la linea del Partito Democratico della Penisola Sorrentina, che promuove un ordine del giorno in tutti i consigli comunali a sostegno dei lavoratori stagionali, in particolare del settore turistico, per i quali la nuova disciplina per le indennità di disoccupazione (NASPI) risulta essere fortemente pregiudizievole. Si rischia, infatti, di vedere dimezzato il periodo di indennità . Pertanto, qualora la circolare INPS, attesa a giorni, non interpreti la norma diversamente, la prima richiesta del coordinamento è la sospensione transitoria del secondo comma dell’art.5 del decreto legislativo n.22/2015 (“Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione”) in modo da assicurare le dodici mensilità, tra stipendi e sussidio disoccupazionale, per la stagione in corso. Il PD Penisola Sorrentina propone, inoltre, il ripensamento della struttura di ammortizzazione sociale per i lavoratori stagionali, particolarmente per quelli dell’indotto turistico, e sollecita, infine, l’allungamento della stagione lavorativa, da realizzare di concerto con associazioni rappresentative di albergatori e lavoratori, impegnando anche enti sovracomunali, al fine di ottenere agevolazioni e supporti adeguati.
 

Consiglio comunale junior, gli studenti: servono palestre e cinema, più attenzione ai giovani

Gragnano - Più spazi per i giovani, più luoghi di aggregazione e più palestre. Ma non solo: a Gragnano serve un cinema-teatro, magari riattando uno tra i tanti locali comunali dismessi. E' stata folta e fattiva la partecipazione, questa mattina, degli studenti e dei docenti al consiglio comunale junior che si è tenuto presso l'Aula consiliare del Comune di Gragnano, alla presenza del sindaco Paolo Cimmino che ha seguito con attenzione e curiosità questa inedita lezione di politica e di vita amministrativa promossa dall'associazione LegalmenteItalia. "Il successo dell'iniziativa - dichiara il presidente del sodalizio, Vincenzo Zurlo - è frutto di un lavoro di squadra. I giovani hanno formulato proposte e idee che possono trovare terreno fertile per germogliare e per fare di Gragnano un Comune più attento alle esigenze delle giovani e giovanissime generazioni". Viva soddisfazione è stata espressa dai dirigenti Cavaliere, Perrella e Fienga e da tutto il corpo docente coinvolto in "Progetto Comune". "Amministrazione e scuola possono e devono collaborare - ha aggiunto Zurlo - nella consapevolezza che i ragazzi di oggi saranno i cittadini e la classe dirigente di domani. I partecipanti al consiglio comunale junior di questa mattina hanno per la prima volta vissuto in diretta i meccanismi della vita politico-amministrativa della loro città, riuscendo perfettamente a interpretare lo spirito costruttivo con cui l'Associazione LegalmenteItalia l'ha proposto". La nota di colore della giornata è arrivata dalla massima carica cittadina, il sindaco Paolo Cimmino. "Se nel mio programma elettorale avessi inserito le proposte di questi ragazzi - ha detto il primo cittadino tra il serio e il faceto - avrei sicuramente preso più voti".

Domani la campagna di sensibilizzazione dell’A.D.D.A. contro la mattanza dell’agnello pasquale

Castellammare di Stabia - Si terrà domani, 29 marzo 2015, Domenica delle Palme, in villa comunale nei pressi della Cassarmonica a Castellammare di Stabia, dalle ore 10.30 alle ore 13.00, la “campagna di sensibilizzazione contro la mattanza dell'agnello pasquale” che l’A.D.D.A., Associazione per la Difesa dei Diritti degli Animali, organizza con cadenza annuale. E’ necessario sottolineare che per la Pasqua ogni anno vengono uccisi circa 900 mila agnelli, la maggior parte dei quali arriva dai Paesi dell'Est, e che la vita di questi poveri animali, che a nemmeno un mese di respiro vengono strappati alle madri, è tristemente breve e tragica allo stesso tempo: quando non vengono uccisi in loco con metodologie che nulla hanno di etico e morale, vengono costretti a lunghi e terribili viaggi ammassati in camion e tenuti in condizioni insostenibili prima di raggiungere i macelli di destinazione dove, sovente, arrivano anche morti. Gli agnellini, esseri senzienti, e quindi capaci di provare sentimenti e dolore, arrivati a destinazione già terrorizzati, vengono immobilizzati, storditi, appesi a un gancio per la zampa, lasciati dissanguare e dunque fatti a pezzi per giungere infine sulle tavole pasquali!
 

Processione tra le strade sporche

Vico Equense - Ieri sera si è svolta la via Crucis. La processione è partita della Cattedrale dell'Annunziata al Vescovado, per arrivare alla Chiesa di Bonea. Un lettore punta il dito su via Bonea, sottolineando che ci vuole un occhio di riguardo “almeno in queste occasioni”, poiché la strada era sporca e dissestata.

Seiano, processione del Cristo morto

L’appuntamento si ripete ogni tre anni dal lontano 1877 

Vico Equense - Fervono i preparativi della processione del Cristo morto, organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita “Morte ed Orazione” di Seiano, che si terrà Venerdì Santo 3 aprile 2015. La processione che si ripete ogni tre anni dal lontano 1877, partirà da Piazza Seiano alle 19.45 e percorrerà la Statale 145 raggiungendo il centro cittadino di Vico Equense. La penisola sorrentina non è estranea a manifestazioni religiose legate alla Pasqua, ma la via crucis seianese spicca per la sua originalità, garantita dalla partecipazione di ben quattrocento figuranti, da abiti d’epoca e dall’imponente presenza di quattordici cavalli, montati da soldati romani. A rendere il tutto un unicum della penisola contribuisce la forte e sentita partecipazione dell’intera comunità, una “luttuosa esultanza” che garantisce continuità alla tradizione. Come ancora viene definita dagli anziani del posto questa è una vera e propria “festa del Cristo morto”. Alla suggestiva luce delle fiaccole, il corteo degli anonimi incappucciati rossi (colore simbolo della Passione di Cristo) muoverà dal sodalizio e si snoderà per le strade principali del paese: apriranno gli stendardi dell’Arciconfraternita, seguiti dai personaggi e dai simboli della Passione –Giuda, Pilato, Caifa, la Veronica accompagnata dalle pie donne, il gallo di S. Pietro (in carne e ossa, altra peculiarità della processione seianese), i martìri… A chiusura le statue settecentesche del Cristo morto, in cartapesta, e dell’Addolorata, in abito impreziosito da ricami, seguite dai Confratelli e dall’Amministrazione. Scandisce il passo di questo suggestivo rito il coro dei bambini supportati dalle donne di Seiano, accompagnati dalla banda. Dopo aver attraversato le strade principali di Seiano e di Vico Equense, la processione rientra, rischiarata dalle fiaccole poste su balconi e finestre, che creano un effetto mistico ed elegiaco.

Meta: lunedì 30 marzo ritorna "La Via della Croce"

Summit Regionali, patto su Beneduce

Flora Beneduce
Sant'Agnello - I vertici dell'amministrazione comunale di Sant'Agnello hanno deciso di sponsorizzare la ricandidatura di Flora Beneduce alla carica di consigliere regionale. E' la notizia delle ultime ore che fa il giro della penisola e che vede in prima linea, in particolare, il sindaco Piergiorgio Sagristani, già assessore provinciale al turismo in quota Udc. Beneduce - moglie di Armando De Rosa, per anni leader della Democrazia cristiana e ai vertici dell'amministrazione regionale - sarà nella lista di Forza Italia in corsa per il mandato bis del governatore uscente Stefano Caldoro. Sagristani, dal suo canto, ha deciso di sostenere con forza la consigliera - tra l'altro già primario degli ospedali riuniti di Sorrento e Vico Equense nella sua battaglia elettorale. Stesso discorso, con il sindaco di Sant'Agnello, per Armando Cesaro. (Fonte: Metropolis)

Abusivismo, Caldoro a Renzi: «Stop alle ruspe»

Il governatore: «Salvare le case di necessità». In Campania 70mila ordinanze di demolizione 

Fonte: Paolo Mainiero da Il Mattino

Ed ecco che, puntuale come sempre, sulla campagna elettorale piomba la questione degli abbattimenti delle case abusive. A ritirarla fuori dall'armadio e a darle una spolveratina ci pensa direttamente il governatore Caldoro che chiede un incontro urgente a Renzi per salvare le case cosiddette di «prima necessità». Il presidente della Regione - fanno sapere da palazzo Santa Lucia - solleciterà il governo a occuparsi della questione tenendo conto anche della legge approvata in Senato che disciplina le priorità nella demolizione degli immobili abusivi. In precedenza, Caldoro, raccogliendo le richieste dell'Ancie delle associazioni «Prima casa di necessità», aveva inviato una lettera a Renzi, al sottosegretario Graziano Delrio e al ministro per le Riforme Maria Elena Boschi senza, però, ricevere risposta. Come in un copione già scritto, il coordinatore regionale di Forza Italia Domenico De Siano ha subito fatto sapere che il capogruppo alla Camera Renato Brunetta porrà la questione al presidente della Camera Laura Boldrini perché la proposta di legge approvata al Senato venga discussa a Montecitorio come prioritaria per la minoranza. «La questione dello stop agli abbattimenti delle case di prima necessità è un'assoluta priorità. Ci auguriamo conferma Brunetta-che il sostegno che il Pd aveva mostrato in Senato tomi a farsi sentire anche a Montecitorio». Tuttavia il Pd, che a Palazzo Madama votò a favore, non ha intenzione di fare la stessa cosa alla Camera e senza i suoi voti la legge non potrà mai passare.
 

Lunedì 30 marzo, il romanzo di Raffaele Lauro su il Fatto Quotidiano

Sorrento - Il Fatto Quotidiano, di lunedì 30 marzo 2015, dedicherà un’intera pagina, a firma di Fabrizio d’Esposito, al legame, quasi cinquantennale, di Lucio Dalla con Sorrento, con riferimento ai tanti episodi inediti, narrati da Raffaele Lauro nel romanzo biografico sul grande cantautore bolognese, “Caruso The Song - Lucio Dalla e Sorrento”, edito da GoldenGate Edizioni. Il giornalista d’Esposito, di origini sorrentine, come l’Autore, ha presentato, come relatore, il libro di Lauro, a Roma, il 18 marzo 2015, al Palazzo della Minerva (Senato della Repubblica).

Intervista a Salvatore Vozza

Salvatore Vozza
“Per il Meridione soltanto belle promesse. Ma nei fatti tanti tagli” 

Fonte: Gimmo Cuomo da Il Corriere del Mezzogiorno 

Salvatore Vozza, segretario regionale di Sel presenta stamattina la sua candidatura a governatore della Campania. Mutuando la definizione dì Michele Ainis la presidente della Camera Laura Boldrini ha individuato il Sud come «lo scantinato d'Italia». Si ritrova? «Sì, penso che abbia ragione, c'è un livello inadeguato delle classi dirigenti meridionali. A partire dalla Campania. Caldoro in questi anni si è limitato a fare da Bancomat per sostenere le politiche nazionali. Così abbiamo avuto tagli a settori fondamentali come sanità, trasporti e scuola». Il Sud è davvero sparito dall'agenda di governo? «Credo che adesso sia proprio sparito, forse in un certo senso non ci è mai stato. Tenete conto che abbiamo presentato una mozione parlamentare sulla Campania e sul Mezzogiorno. Abbiamo raccolto solo grandi parole e grandi impegni, ma nulla di concreto. Basta vedere tré questioni: lo smantellamento che Finmeccanica sta portando avanti in campo industriale. La tanto sbandierata agenzia per la coesione che non parte e il fallimento di "Garanzia Giovani", presentato come grande opportunità per i ragazzi del Mezzogiorno». Tra le priorità Boldrini ha indicato il varo di un piano di sviluppo economico per risollevare i territori dove c'è stata desertificazione industriale. Lei è stato un protagonista della stagione del contratto d'area Torrese-stabiese, che ha prodotto qualche risultato, ma non è risultato uno strumento in grado di assicurare la vittoria strategica. Cosa ne pensa? «Penso che certi strumenti vanno bene se sono inseriti dentro piani industriali nazionali e dentro a politiche di settore e di filiera che ormai mancano in questo Paese. Il Mezzogiorno ne soffre di più ed ecco che ci troviamo di fronte al dramma della desertificazione industriale». Cosa occorre al Sud per restare agganciato al treno europeo? «Credo che innanzitutto dobbiamo spendere bene i fondi europei dentro a un piano e a un'idea di sviluppo. All'Europa bisogna chiedere una grande funzione del Mezzogiorno come area che dialoga col bacino del Mediterraneo».

Banda larga Telecom la Campania cammina cablaggio al 60 per cento

Banda larga Telecom, la Campania cammina. È a quota 60 per cento il cablaggio della regione realizzato dall'azienda di telefonia nei 112 comuni previsti dal bando ministeriale. L'investimento complessivo è di oltre 175 milioni, di cui 118 di fondi pubblici europei e 57 a carico di Telecom. Entro il 2015 circa 1 milione di unità immobiliari saranno abilitate alla fornitura di servizi digitali innovativi con connessioni da 30 a 100 megabit al secondo per circa 3 milioni di abitanti. «Ï nuovo piano industriale prevede nel triennio 2015-2017 investimenti in Italia per 10 miliardi, la metà dei quali destinati alle sole tecnologie innovative» ha affermato Giuseppe Recchi, presidente Telecom. In sei delle città selezionate per la banda larga (Benevento, Casoria, Giugliano, Napoli, Salerno e Torre del Greco) sono già disponibili i servizi per famiglie e aziende. «Porteremo la banda ultralarga a 10 milioni di italiani, pari al 43 per cento delle popolazioni delle regioni interessate, collegando 4,6 milioni di unità immobiliari» conclude Recchi. Insomma, la Regione si avvia ad avere una connessione sempre più veloce. Al passo con i tempi, saranno aziende e soprattutto scuole alle quali sarà riservata una navigazione super veloce. Sono già oltre 3.600 gli "armadi" stradali collegati alla fibra ottica. Entro il 2015 si prevede di completare la copertura di 119 nuovi comunirivolgendosiacirca3 milioni di abitanti, attraverso oltre 6 mila chilometri di fibra ottica. Lo stato di avanzamento del piano è stato illustrato, oltre che da Recchi, dal presidente della Regione Stefano Caldoro, e dal rettore della Fe- derico II Gaetano Manfredi nel corso del convegno "La Campania che ricerca e innova", all'interno della Bmt. «La Campania è stata la prima Regione ad avviare il bando del piano strategico nazionale per la banda ultralarga» ha concluso il presidente Caldoro. (Fonte: tiz.co. da la Repubblica Napoli)

venerdì 27 marzo 2015

Un ripetitore telefonico nella galleria Seiano-Pozzano

Vico Equense - Un ripetitore telefonico per la galleria “Santa Maria di Pozzano”. In futuro sarà più semplice gestire le chiamate all’interno del nuovo tunnel che collega Seiano a Castellammare. Ciò grazie ad un’antenna che sarà installata nella struttura. Il Comune di Vico Equense, infatti, ha rilasciato l’autorizzazione per l’intervento. Dopo il via libera della Soprintendenza, arriva, dunque, anche quello della commissione paesaggistica comunale. Ora si attende solo l’inizio dei lavori per la posa degli impianti all’interno della galleria.

Campania, Marciano (PD): Su imbustamento pane nessuna retromarcia, risultato di civiltà

Regione Campania - “Sull’imbustamento del pane nessuna retromarcia: questa è la posizione dell’intero gruppo PD e soprattutto la mia, firmatario della legge 10/2014 che, oltre a ribadire l’obbligo di imbustare il prodotto, introduce anche quello della tracciabilità delle materie prime utilizzate per realizzare il pane. Mi auguro dunque che l’onorevole Ronghi convinca piuttosto la sua maggioranza a cambiare idea”. Questo il commento di Antonio Marciano, vicecapogruppo regionale del Partito Democratico. “Fa piacere che Ronghi raccolga l’allarme lanciato dalla Unipan, da me stesso informata sul tentativo da parte della maggioranza di governo in Campania di stravolgere il merito di una legge che ha dato alla regione un importante risultato di civiltà”, spiega il consigliere. “L’articolo in questione è una delle tante porcherie inserite in questa stuolata che sono le cosiddette ‘Disposizioni urgenti in materia di finanza regionale’, che in realtà contengono tutti i desiderata dei singoli consiglieri di maggioranza, oltre che autentici schiaffi alla democrazia, a partire dalla gestione dell’acqua pubblica”, conclude Marciano.

Scaramellino: “L' assessore non aveva promesso dei nuovi pullman per Vico?”

Vico Equense - Ancora disagi per i cittadini di Vico Equense. Un pullman si ferma durante il tragitto per un problema tecnico. Quando questo accade, i cittadini devono scendere in strada e sperare in qualche passaggio o continuare a piedi. “Ieri – commenta Claudia Scaramellino, consigliere comunale di IN Movimento per Vico - salendo in collina, alle 18.30, poco prima della piazza di Sant'Andrea, sull'asfalto c'era una grande macchia di olio...Cos'è? Più avanti si è sciolto "l'arcano": c'era un pullman dell’Eavbus fermo davanti al bar, in attesa di essere, credo, rimorchiato. Aveva perso olio, forse quasi tutto. I passeggeri erano andati via, i vigili dirigevano il traffico...ma era inevitabile che si creassero code. Storie di ordinario disservizio...che intralciano il sereno procedere della quotidianità di un "malcapitato" cittadino, magari di ritorno dal lavoro. Ma l'assessore non aveva promesso dei nuovi pullman per Vico?”, conclude il consigliere di opposizione. Infatti, durante una riunione in Regione con l’assessore ai trasporti Sergio Vetrella, i consiglieri del Comune di Vico Equense avevano avuto l’assicurazione che gli autobus in circolazione sul territorio sarebbero diventati sette, di cui tre nuovi. Inoltre, entro l’estate, il parco autobus dovrebbe essere integrato con altri due pullman per garantire un servizio efficiente.

Ex Saracino, l‘ ora delle ruspe

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis 

Vico Equense - Il Comune di Vico Equense si scaglia nuovamente contro Armando De Rosa e stavolta "ordina" all'ex assessore regionale della Democrazia cristiana la demolizione delle presunte opere abusive - con il conseguente ripristino dello stato dei luoghi - dell'ex Saracino, la nota struttura ricettiva della piana di Seiano che inizialmente andò distrutta per un incendio nel lontano 1983 e che l'ex leader Dc intendeva ricostruire al più presto. Si tratta di una decisione firmata dai responsabile del servizio antiabusivismo dell'ente di via Filangieri, Michele Amodio, che si è legato alla recente sentenza emessa dei Tribunale amministrativo regionale della Campania che, accogliendo il ricorso di un vicino di De Rosa, lo scorso mese di gennaio annullò a sorpresa il permesso a costruire in sanatoria rilasciato dal Comune circa l'ipotesi di realizzare ex novo l'immobile. Il nuovo provvedimento - quello per il ripristino dello stato dei luoghi - è stato regolarmente pubblicato sull'albo pretorio online dell'ente e impone a De Rosa (in qualità di socio accomandatario della società "Il Sireneo d'Aequa Sas", azienda comodataria dell'immobile al centro dell'iter) di rimuovere gli interventi irregolari finiti sotto la luce dei riflettori.